Tutto craccabile, anche i top secret digitali

Scritto da Spiare.com • Sabato, 11 luglio 2009 • Categoria: Sistemi Crypto


Mai sentito parlare dei sistemi crittografici? Un parolone spaventoso ma, in buona sostanza, si tratta di metodi per mascherare delle informazioni, e renderle inaccessibili a chi non è dotato della password necessaria per decodificarle. La base, insomma, dei sistemi di sicurezza, specie nell’informatica.

Metti che un giorno di Novembre del 2001, gli Stati Uniti riconoscano, dopo cinque anni di studi, la validità di un sistema crittografico, decidendo di utilizzarlo su larga scala. E così, da quel momento, ecco che là dove serve sicurezza in ambito informatico, piazzano questa tecnologia chiamata AES (Advanced Encryption Standard).

Pagamenti, trasmissione di dati privati, tecnologie militari e anticopia, e via dicendo, sembrano ormai al sicuro dai criminali digitali. Ti basti sapere che la  mitica NSA (National Security Agency), l’agenzia preposta alla sicurezza degli Stati Uniti, usa l’AES per proteggere i documenti riservati. Per la precisione, usa la versione a 128 bit per quelli considerati “Secret”, e le ancora più sicure 192 e 256 bit per quelli “Top Secret”.


Continua a leggere su Wired.it

Cellulari crypto per non farsi Spiare

-
2900 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.