Usa, l’Fbi può spiare le e-mail senza il permesso del giudice

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 2 agosto 2010 • Commenti 0 • Categoria: Intelligence

Se i terroristi si muovono sul web, la Casa Bianca è pronta a batterli spiando i loro account e-mail. Il governo Usa sta facendo pressioni sul Congresso affinché permetta agli agenti federali dell’Fbi di entrare nella posta elettronica delle persone sospette anche senza l’autorizzazione del giudice. Ancora non è ufficiale ma se così fosse si tratterebbe di un ampliamento del Patriot Act, il provvedimento anti-terrorismo votato dopo l’11 settembre 2001. In teoria i controlli dovrebbero riguardare solo i messaggi legati ad attività ritenute criminale e quindi non la privacy e le email personali. Insomma intercettazioni made in Usa che già hanno sollevato la levata di scudi di molte associazioni: “In questo modo il governo potrà avere a sua disposizione una quantità enorme di dati su tantissimi sospetti, senza alcun controllo di carattere giudiziario”, protesta Michelle Richardson, dell’American Civil Liberties Union.


>>Continua a leggere "Usa, l’Fbi può spiare le e-mail senza il permesso del giudice"

2456 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La spia russa armata di steganografia

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 5 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Sistemi Crypto

Lo scandalo delle 11 spie sotto copertura al soldo di Mosca è una storia a base di messaggi segreti, scambio di informazioni su pagine web pubblicamente accessibili e fondi nascosti nel sottosuolo di New York come ai bei tempi della Guerra Fredda tra USA e URSS. L'FBI prende molto sul serio il "circolo" di spie appena scoperto descrivendone nei dettagli le attività e gli strumenti operativi, mentre la Russia nega ogni addebito e accusa: è una vicenda tutta interna alla politica a stelle e strisce.

L'accusa sostiene che gli undici sospetti spioni - comprendenti 5 coppie - avevano la missione a lungo termine di fornire informazioni riservate all'SVR (versione moderna del KGB sovietico) sulle politiche USA nei confronti dell'Iran, la ricerca nucleare, i capi della CIA, le politiche sviluppate in seno al Congresso e molti altri argomenti tipici delle spy story.


>>Continua a leggere "La spia russa armata di steganografia"

4204 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Terrorismo, troppe segnalazioni sulle possibili minacce: così va in tilt l'intelligence Usa

Scritto da Spiare.com • Martedì, 29 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Intelligence

Si chiama TIDE (Terrorist Identities Datamart Environment) ed è la banca dati che dovrebbe raccogliere tutte le informazioni a disposizione del National Counterterrorism Center americano: ogni notte, alle 23, le informazioni selezionate in tutto il mondo dalle fonti dell'intelligence americano 'caricano' nuovi dati sulle possibili minacce alla sicurezza degli Usa e dell'Occidente.

Fra queste, qualche settimana fa, c'era anche la segnalazione fornita dal padre di Umar Farouk Abdulmutallab, preoccupato che il figlio potesse diventare strumento di reti terroristiche: ma il suo allarme circostanziato è andato perduto nel mare di informazioni arrivate al TIDE, evidenziando una delle gravi carenze dell'intelligence moderna, ovvero l'analisi - più che la raccolta - dei dati a disposizione.Le segnalazioni immagazzinate nel TIDE, infatti, vengono girate a un altro database, il TSDB (Terrorist Screening Database), gestito dall'Fbi, dove ogni mattina un team esamina e 'nomina' una serie di persone 'a rischio', selezionate in base alla loro pericolosità.

Ogni nominativo viene quindi inserito in una diversa lista, 'no-fly', 'selectee' oppure i 'no visa', ovvero le persone cui non dovrebbe essere fornito un visto di ingresso negli Usa. Abdulmutallab era in questo elenco eppure sul suo passaporto era stampato un regolare permesso di ingresso (emesso un anno prima) e il sistema APIS (Advanced Passenger Information System) non ha segnalato nessun allarme al momento del suo imbarco sul volo Northwest 253 per Detroit.


>>Continua a leggere "Terrorismo, troppe segnalazioni sulle possibili minacce: così va in tilt l'intelligence Usa"

1920 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

In crescita cyber-spionaggio cinese contro Usa, dice rapporto

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 20 novembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Spionaggio

Il governo cinese sembra sempre più coinvolto in intrusioni in reti informatiche del governo Usa e del settore della Difesa, per raccogliere dati utili ai propri militari: è quanto ha segnalato una commissione di consulenti del Congresso.

"Un grosso numero di circostanze e prove indica fortemente che lo stato cinese è coinvolto in attività di questo genere", ha detto la U.S.- China Economic and Security Review Commission nel suo rapporto 2009 al Congresso.

La commissione bipartisan formata da 12 membri, è stata costituita nel 2000 per analizzare le implicazioni del commercio in crescita con la Cina.

Pechino ha iniziato ad allargare le proprie preoccupazioni per la sicurezza nazionale oltre al potenziale scontro sullo Stretto di Taiwan e questioni che riguardano la sua periferia, dice il rapporto di 367 pagine.


>>Continua a leggere "In crescita cyber-spionaggio cinese contro Usa, dice rapporto"

1971 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

SWIFT, gli USA vogliono la licenza di spiare

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 21 settembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Attualità

Si ritorna a parlare di SWIFT (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunications), il colosso che custodisce informazioni sulle transazioni elettroniche tra 7.800 diverse istituzioni finanziarie del mondo.

Finito nel mirino delle autorità europee a tutela della della privacy e accusato di spifferare al controspionaggio statunitense dati sensibili sui conti bancari italiani ed europei all'insaputa dei proprietari, il network con base in Belgio è ora oggetto di intermediazione tra USA e UE nel tentativo di giungere a un accordo per la condivisione delle informazioni ivi contenute.

Al momento la Svezia (presidente di turno dell'Unione) è impegnata in negoziati tesi a stipulare un accordo tra le due sponde dell'Atlantico, accordo grazie al quale USA e UE potrebbero condividere le informazioni sulle operazioni finanziarie transatlantiche in attesa che il database americano di SWIFT venga trasferito nella sua nuova sede in Olanda.


>>Continua a leggere "SWIFT, gli USA vogliono la licenza di spiare"

1735 hits
Tags: , ,
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Per i servizi segreti Usa tanta burocrazia in più

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 27 agosto 2009 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti

Barack Obama ci è riuscito di nuovo, si becca le critiche dei liberal, che pretendono di applicare alla Cia, e in tempo di guerra, norme e procedure che spesso non sono rispettate dalle polizie locali alle prese con criminali comuni, e al tempo stesso rischia di inficiare l'azione dell'intelligence.

Gli occidentali, e gli Stati Uniti in particolare, sono abilissimi nel farsi male da soli, suscitando il disprezzo degli avversari, che percepiscono il rispetto di convenzioni, norme e quant'altro come una debolezza da sfruttare.

È vero, da quando è entrato nello studio ovale Obama ha fatto una conversione al centro, abbandonando i proclami del periodo elettorale.

Però, da buon comunicatore, vuole salvare le forme, più o meno maldestramente.

Lo ha fatto con la «chiusura» di Guantanamo, con il ritiro dall'Irak, il disarmo nucleare, le extraordinary renditions, ed ora con gli interrogatori della Cia.


>>Continua a leggere "Per i servizi segreti Usa tanta burocrazia in più"

1678 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

USA, cyber-napalm sui siti governativi

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 9 luglio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

"La Corea del Nord sarebbe responsabile di una serie di attacchi DoS contro gli Stati Uniti e Corea del Sud"

La Corea del Nord ha scatenato una pioggia di cyber-attacchi contro gli Stati Uniti e la Corea del Sud.

Secondo l'anti-spionaggio di Seoul, i problemi riscontrati negli ultimi giorni da 26 siti governativi statunitensi e coreani sono dovuti a attacchi Denial of service (DoS).

In pratica, affiliati al Governo di Pyongyang avrebbero utilizzato malware avanzati per saturare la capacità di elaborazione di siti importanti come ad esempio quelli della Federal Trade Commission, White House, Federal Aviation Administration, Secret Service, etc.


>>Continua a leggere "USA, cyber-napalm sui siti governativi "

2734 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Usa/ Amministrazione Obama abbandona il programma sui satelliti-spia, iniziato da Bush

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 25 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Intelligence

L’amministrazione Obama bloccherà il programma sui satelliti-spia, iniziato dal suo predecessore alla Casa Bianca, George W. Bush. Lo ha riferito il dipartimento alla sicurezza interna degli Stati Uniti.

Il programma era finito nell’occhio del ciclone, e ritardato, già due anni fa, quando alcuni avvocati Democratici sostennero che lo stesso andava a violare la privacy delle persone.

Ai satelliti-spia, il cui controllo era stato affidato proprio al dipartimento di sicurezza interna, sarebbe spettato il controllo del territorio degli Usa; gli avvocati, però, hanno informato la segretaria del dipartimento, Janet Napolitano, sul fatto che il programma andava a violare il Quarto emendamento sul diritto di essere protetti da indagini e intrecettazioni immotivate. Da qui lo stop.


>>Continua a leggere "Usa/ Amministrazione Obama abbandona il programma sui satelliti-spia, iniziato da Bush"

6335 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Un comando militare per la cyber sicurezza Usa

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 27 aprile 2009 • Commenti 0 • Categoria: Intelligence
L’amministrazione di Barack Obama intende dotarsi di un nuovo comando militare incaricato di contrastare e respingere possibili attacchi di pirati informatici: l’iniziativa, che sarà annunciata nelle prossime settimane, farà parte di una serie di misure allo studio della Casa Bianca per migliorare la cyber sicurezza degli Stati Uniti, ha spiegato un funzionario di Washington.

Questo «cyber comando» dovrebbe essere posto sotto l’autorità del Comando strategico americano (Stratcom), che dirige già gli sforzi del Pentagono per assicurare l’integrità delle reti informatiche militari. La decisione giunge dopo l’aumento del numero di attacchi da parte di hacker e cracker di grandi capacità e talento, che secondo gli esperti del settore sarebbero spesso cinesi o russi.


>>Continua a leggere "Un comando militare per la cyber sicurezza Usa"

1957 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!