Giustizia sommaria: Milano è capitale degli spioni

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 26 gennaio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Intercettazioni

L’accanimento giudiziario contro il premier? Più che di feeling, è questione di cifre. Già, perché il feeling alla rovescia che fa sì che Silvio Berlusconi, suo malgra­do, sia il «bersaglio» preferito di alcune procure d’assalto come Milano,viene sve­lato anche dai numeri: perché proprio Mi­lano, il pool di punta della corazzata anti-Cavaliere delle toghe, è da anni al top delle classifiche per quanto riguarda il numero di intercettazioni, telefoniche e ambienta­li. Nel 2007 ne ha fatte 17.357, più del dop­pio di Roma, che si è fermata a 8.544, persi­no più di Palermo, che pure contro il Cav s’impegna mica poco.

Ma tant’è, per la causa mica si può stare a sottilizzare sulle forze in campo. E visti i frutti di certe inchie­ste, meglio pescare a strascico, ascoltan­do a tappeto conversazioni che qualcosa su cui costruire un castello d’accuse pri­ma o poi si tira fuori, il Rubygate insegna. Tanto poi, se va a finire a tarallucci e archi­viazione - vedi a Napoli le intercettazioni tra il premier e l’allora direttore generale della Rai Agostino Saccà - nessuno paga. A meno che a cambiare le cose non inter­venga il sì alla proposta di legge appena presentata dal Pdl - primo firmatario l’onorevole Luigi Vitali - che prevede l’in­troduzione del reato di «ingiusta intercet­tazione», con relativa riparazione per le vit­time e sanzioni per i giudici.

Microspie Audio


>>Continua a leggere "Giustizia sommaria: Milano è capitale degli spioni"

2497 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

CALABRIA/UNIVERSITA': CONCLUSO MASTER SU INTELLIGENCE

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 28 giugno 2010 • Commenti 0 • Categoria: Intelligence

''Segreto di Stato, intercettazioni, percezione dei servizi segreti da parte dei media italiani sono alcuni dei lavori di tesi discussi dai 20 studenti, provenienti dal Piemonte alla Sicilia, che hanno conseguito il Master in Intelligence dell'Universita' della Calabria''. La commissione di esame era composta da Viviana Burza, Direttore del Dipartimento di Scienze dell'Educazione, Mario Caligiuri, Direttore del Master e da Marco Valentini, Dirigente del Ministero degli Interni. Gli elaborati piu' significativi verranno pubblicati a cura del Centro Studi sull'Intelligence del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Ateneo calabrese, il cui presidente onorario e' il Senatore a vita Francesco Cossiga.


>>Continua a leggere "CALABRIA/UNIVERSITA': CONCLUSO MASTER SU INTELLIGENCE"

2523 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Benvenuti nel paradiso degli 007, siamo il Paese più spiato al mondo

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 15 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Spionaggio

Do you remember Italy, Bob? Certo che se la ricorda bene, l’Italia, Bob Lady. Capo del centro Cia di Milano, ha dovuto dire addio alla Penisola per un mandato di cattura e poi per la condanna a otto anni di carcere per il rapimento dell’imam Abu Omar.

Ma del Belpaese conserva un ricordo imperituro per due motivi: il vino buono e le intercettazioni facili. Quelle che in America se le sognano, e che qui rendono dannatamente più agevole il mestiere dello sbirro.

«La polizia italiana è molto brava - racconta lo 007 al Giornale - ma ha dalla sua anche molte possibilità. Qui intercettare una telefonata è facile, da noi è molto difficile. Qui è facile piazzare una microspia e un gps in auto. Da noi per niente. La conseguenza è che in Italia si intercettano cinquemila telefoni al giorno, negli Stati Uniti non si arriva a cinquemila tutto l’anno». E se lo dice Bob...


>>Continua a leggere "Benvenuti nel paradiso degli 007, siamo il Paese più spiato al mondo"

1668 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Premiata ditta spioni e ghioni

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 25 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Intercettazioni

I dettagli dell'affare stanno tutti in un voluminoso documento di quasi 200 pagine. È un contratto di vendita, datato 15 giugno 2007, tra due società.

Da una parte la Ikon di Garbagnate Milanese, a pochi chilometri dalla metropoli lombarda, dall'altra la Digint, nata solo un mese prima.

Quest'ultima, secondo gli investigatori, sarebbe stata creata dalla banda capeggiata da Gennaro Mokbel, l'organizzatore della colossale frode fiscale in cui sono coinvolti Fastweb e Telecom Italia Sparkle.

Ikon invece è una vecchia conoscenza per gli appassionati delle spy story nostrane.


>>Continua a leggere "Premiata ditta spioni e ghioni"

1940 hits
Tags: ,
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Caccia ai complici degli spioni in divisa

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 18 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Spionaggio

Un episodio di «grave infedeltà di alcuni funzionari pubblici». Ma anche una vicenda che allarma soprattutto per l´utilizzo illecito di tabulati telefonici. Così il giurista Stefano Rodotà, padre della legge sulla privacy, già presidente dell´Autorità Garante per la protezione dei dati personali, commenta le notizie dell´indagine sullo spionaggio illegale. Professor Rodotà, la Procura di Napoli ipotizza l´esistenza di un´associazione per delinquere composta da poliziotti e finalizzata a investigazioni private abusive.

«Sicuramente siamo dinanzi a condotte che vanno perseguite con il massimo rigore. In questo senso mi sembra assolutamente fondata, almeno come ipotesi investigativa di partenza, la configurazione del reato di associazione per delinquere. Il fatto che le attività di spionaggio risultino circoscritte prevalentemente all´ambito coniugale può far apparire la vicenda, pur preoccupante, forse meno drammatica di altre violazioni della privacy alle quali abbiamo assistito. Ma quel che inquieta maggiormente, in una storia solo apparentemente minore, è l´utilizzo illecito dei tabulati telefonici».


>>Continua a leggere "Caccia ai complici degli spioni in divisa"

1553 hits
Tags:
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Gli spioni dentro l'Antimafia

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 14 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Intercettazioni

Adesso sarà interessante capire chi veniva spiato, perché e soprattutto per conto di chi. Perché dell'esistenza di una struttura all'interno della Direzione investigativa antimafia di Napoli in grado di raccogliere informazioni sulla vita privata di alcune persone i magistrati sospettavano da tempo. E con le perquisizioni ordinate ieri gli inquirenti della Procura di Napoli hanno ottenuto già i primi riscontri.

Tutto parte l'estate scorsa, esattamente il 14 agosto, quando uno degli uomini in servizio alla Dia partenopea scopre che in un'area non protetta del sistema informatico è stata creata una cartellina con all'interno dei file riguardanti le nuove indagini nate dall’inchiesta Magnanapoli, che rivelò i rapporti tra l'imprenditore Alfredo Romeo e diversi esponenti della giunta comunale di Napoli. Le notizie coperte da segreto erano relative a presunte irregolarità negli appalti inseriti nel cosiddetto Piano Sicurezza a Napoli e in provincia.

Per l'amministratore del sistema informatico ricostruire il percorso dei dati fu un gioco da ragazzi. Venne individuato anche il computer e il giorno in cui fu avviato quel tipo di lavoro. E in quella data era in servizio un sostituto commissario, 45 anni, allontanato qualche mese prima proprio dal gruppo ribattezzato Fedra, che indagava appunto sulla vicenda Global Service.


>>Continua a leggere "Gli spioni dentro l'Antimafia"

2268 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

"Scopri il crimine, vinci i soldi" Il sito che paga i cittadini-spioni

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 7 ottobre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Video Sorveglianza

Telecamere nelle strade, nei negozi, nei musei. Insomma, telecamere dovunque. In un mondo dove spiare è la parola d'ordine, un sito che permette ai cittadini di diventare "guardie della sicurezza" è davvero un'idea vincente. La Gran Bretagna è già il Paese più «sorvegliato» al mondo, con 4.2 milioni di telecamere, una ogni quattordici abitanti.

Adesso rischia di trasformarsi in una nazione di spioni, ben retribuiti per giunta. Il progetto, chiamato Internet Eyes, mette in palio fino a 1.000 sterline per ogni cittadino britannico che accetta di monitorare dal proprio computer i filmati delle telecamere a circuito chiuso di negozi, attività commerciali e abitazioni private. Lo scopo? Scovare i criminali e denunciarli alle autorità.

Un primo test di prova si terrà il prossimo mese a Stratford -Upon-Avon: registrandosi sul sito, ad ogni osservatore saranno assegnate al massimo quattro telecamere da tenere d’occhio. Nel caso veda qualcosa di sospetto, non dovrà fare altro che cliccare e mandare un fermo immagine al proprietario della camera. In base ai crimini sventati l’osservatore accumulerà dei punti, che potrebbero poi trasformarsi in denaro.


>>Continua a leggere ""Scopri il crimine, vinci i soldi" Il sito che paga i cittadini-spioni"

1613 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Adesso arrivano anche i presidi spia..

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 29 aprile 2009 • Commenti 0 • Categoria: Attualità

Nonostante la netta bocciatura del  ddl sulla sicurezza, Maroni ne presenta uno che, forse, è da considerarsi peggiore del primo.

Ora io non so se veramente ci sono oppure se ci fanno, ma questa nuova idea dei presidi spia, oltre a farmi venire dei forti dubbi sulla costituzionalità, mi incute un po' di timore. Come tutti ben sappiamo il Parlamento ha respinto gli articoli della proposta padana sulla sicurezza, causando un grande “grattacapo” alla dirigenza Lumbard.

Il boccone evidentemente non è stato ben digerito e proprio oggi le principali testate giornalistiche annunciano a gran voce il ritorno del vento del nord: E' stato proposto, infatti, che siano i presidi, in quanto incaricati del pubblico servizio, a denunciare i bimbi che vengono iscritti alla scuola pubblica qualora i genitori siano irregolarmente presenti sul territorio italiano. Oltre a questo geniale metodo di repressione dell'immigrazione clandestina, è stato ovviamente riproposta la superlativa iniziativa di permanenza oltre i 4 mesi negli illustri hotel a 4 stelle chiamati CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione... il termine dice tutto sulla reale volontà di integrare i nuovi arrivati!).


>>Continua a leggere "Adesso arrivano anche i presidi spia.. "

1613 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Tutti spioni con il cellulare che "ruba" e "ricatta"

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 13 aprile 2009 • Commenti 0 • Categoria: Intercettazioni
C’è chi lo porta appeso alla cintura e chi ha una fondina sotto l’ascella; chi ne ha due, come nel Far West, e chi lo usa con il silenziatore. E fin qui siamo nella normalità.

Ma c’è anche chi lo usa come un’arma vera e propria. Di ricatto, di spionaggio, di pressione psicologica.

Persino di rapina. Del tipo: ti mando un sms criptato e mi copio la tua rubrica telefonica; ti chiamo e il tuo telefono diventa una microspia: mi dice dove sei sulla mappa di Google, mi fa ascoltare cosa stai dicendo in quel momento e cosa dicono i tuoi interlocutori.

E anche se cambi scheda telefonica non riesci a seminarmi: il tuo apparecchio mi avvisa, e ti seguo ovunque prenda il segnale. Anche negli Stati Uniti, persino in vacanza alle Maldive
.


>>Continua a leggere "Tutti spioni con il cellulare che "ruba" e "ricatta""

1854 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!