COME I SERVIZI SEGRETI INFLUENZANO I MEDIA

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 6 dicembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti
Perché i servizi segreti hanno bisogno di usare i media?
I servizi segreti hanno bisogno di influenzare l'informazione, di utilizzare i canali informativi, per molte ragioni. In primo luogo perché serve in qualche modo fare girare alcune notizie che possono risultare utili, questo non significa necessariamente notizie false, i servizi sono indifferenti alla verità, non sono stili, una notizia può essere vera o falsa, l'importante è che sia utile, a snidare un avversario o per esempio a produrre una rottura tra due avversari alleati tra di loro, o viceversa a trovare un alleato, quindi per le ragioni politiche più diverse.

Come fanno i servizi segreti a influenzare i media?
Beh, il meccanismo classico è quello dell'infiltrato, ma è anche il meccanismo meno usato, più costoso, più rischioso, la cosa più importante e facile e ordinaria è lo scambio di notizie, qualsiasi giornalista è alla ricerca di scoop, e qualsiasi agente di sistema informativo è interessato a fare passare degli scoop, magari per contrastare quello di un altro.


>>Continua a leggere "COME I SERVIZI SEGRETI INFLUENZANO I MEDIA"

1887 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra

Scritto da Spiare.com • Martedì, 29 marzo 2011 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti
Il presidente americano ha esultato per la missione libica, che a suo parere “sta avendo successo”. Le bombe ‘democratiche’, secondo il premio Nobel per la Pace, avrebbero salvato molte vite. Ma dietro gli ‘insorti’ potrebbe esserci ben altro.

Il capo della Casa Bianca ha sottolineato che gli americani “devono essere orgogliosi delle vite salvate in Libia” con un intervento “che è stato nel nostro interesse nazionale”. E la stampa internazionale esulta per i successi dei ‘ribelli’. Ma ad alcuni ‘inviati’, specialmente a quelli ‘di sinistra’ italiani sono stranamente sfuggiti alcuni particolari sulla ‘opposizione libica’.

Innanzi tutto i fatti. Sebbene del tutto ignorato dai media internazionali o addirittura definito ‘materiale di disinformazione’, il bilancio fornito dal Omar Khaled, funzionario del Ministero della Salute libico, riferisce di 114 morti e di 445 feriti a causa dei bombardamenti compiuti tra il 20 ed il 23 marzo da forze statunitensi, francesi e del Regno Unito. I dati forniti dal governo di Tripoli non distinguono tra vittime civili e militari, ma secondo informazioni riferite da Telesur e raccolte tra i media locali “la maggioranza delle vittime erano civili, dei quali 100 sono stati uccisi a Tripoli, mentre gli altri 10 sono morti a Sirte (nord), oltre 600 chilometri dalla capitale”.

Il ‘successo’ al quale si è riferito Obama è però il frutto di una complessa operazione di ‘guerra psicologica’ supportata da alcuni media, in particolare Al Jazeera, preparata con cura da Washington, Parigi e Londra e gestita, forse, con la stessa confusione con la quale si è ‘prederminato’ il superpasticcio afgano.

Microtelecamere


>>Continua a leggere "Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra"

1955 hits
Tags: , ,
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Arrestate 20 spie Russe in Georgia

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 1 novembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Spionaggio

La polizia georgiana ha arrestato 20 persone con l'accusa di essere spie di Mosca, in una mossa che rischia di aggravare la tensione nei rapporti tra i due paesi, protagonisti di una breve guerra due anni fa. Lo hanno detto oggi fonti della sicurezza georgiana. Gli arrestati, tutti cittadini georgiani, sono sospettati di avere creato una rete di spie nell'ex nazione sovietica e di avere passato informazioni segrete alla Russia, come riferiscono le fonti che hanno chiesto di restare anonime. Il ministero dell'Interno georgiano non ha confermato né smentito la notizia. "Non facciamo commenti al momento. Ci sarà un annuncio ufficiale in una conferenza stampa il 5 novembre", ha detto il portavoce del ministero, Shota Utiashvili. La Georgia ebbe la peggio nel breve conflitto con la Russia, iniziato quando i militari georgiani, addestrati dagli Usa, aggredirono la regione ribelle dell'Ossezia del Sud, provocando la reazione russa.


>>Continua a leggere "Arrestate 20 spie Russe in Georgia"

1949 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L' asse speciale con le «spie» dei servizi segreti

Scritto da Spiare.com • Sabato, 18 settembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti

Una volta Cossiga ha dichiarato: «Come a qualcuno piacciono i fiori, a me piacciono le spie». Spie non nel senso volgare, di delatori, ma spie come agenti dell' arcana imperii, dei segreti del potere, o meglio ancora - spiega Pasquale Chessa, suo confidente ed amico oltre che autore di alcuni libri con l' ex Presidente - «del segreto di Stato». Sì, certamente c' era in lui anche l' aspetto ludico e romanzesco per i servizi segreti, l' amore per l' aneddotica, per la tecnologia (dai telefonini alle email criptate), ma ricorda Chessa, per Cossiga i servizi segreti erano una vera e propria «funzione dello Stato, una funzione della politica, non in quanto scaturigine di ricatti e di dossier (o almeno non solo questo), ma in quanto il monopolio della notizia segreta deve essere dello Stato». Eppure Cossiga, almeno ad un certo punto della sua carriera, quando divenne «il Picconatore», cominciò a divulgare segreti a raffica. Non è una contraddizione? «No», ricorda Chessa che una volta gli fece notare che parlava troppo, anche per essere un sardo. «Lui mi rispose: vedi, i sardi si dividono in due grandi categorie: i sardo-muti e i falso loquaci. Io sono del secondo tipo: i falso loquaci parlano tanto ma dicono solo quello che vogliono. Parlava di quei segreti che ormai potevano essere "derubricati"», perché non servivano più. Era un teorico della deperibilità del segreto di Stato».


>>Continua a leggere "L' asse speciale con le «spie» dei servizi segreti"

2101 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Servizi segreti e Vaticano

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 6 settembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Letteratura Spy

Lo storico David Alvarez, dopo anni di estese ricerche negli archivi della santa sede e dell'intelligence inglese, francese, italiana, spagnola e americana, ha dato alle stampe I servizi segreti del Vaticano. Spionaggio, complotti, intrighi da Napoleone ai nostri giorni (Newton Compton, 2008).

Il poderoso volume è in realtà un trattato di storia su duecento anni di attività diplomatiche delle cancellerie europee: fatti sconosciuti non solo al grande pubblico ma anche agli addetti ai lavori.

Considerata la complessità delle storie e degli incartamenti citati, oltre che il lungo periodo preso in esame, è assai difficile tentarne una sintesi.

Ne consigliamo comunque la lettura perché, specie in ottica demodoxalogica, i fatti esaminati effemerocriticamente nel riscontro degli incastri delle vicende citate dall'autore permettono valutazioni diverse, a posteriori, su quanto sinora conosciuto o volutamente occultato.


>>Continua a leggere "Servizi segreti e Vaticano"

3292 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Spie, complotti e accuse contro Julian Assange, l'uomo dei segreti

Scritto da Spiare.com • Sabato, 4 settembre 2010 • Commenti 1 • Categoria: Spionaggio

Un mandato d’arresto, clamorosamente annunciato e poi misteriosamente ritirato poche ore dopo. Una incriminazione per stupro, e un’altra per molestie, ai danni di due donne. Cancellate, anche queste, per insufficienza di prove. E’ partito ieri da una procura svedese l’attacco al carismatico fondatore e direttore di Wikileaks, Julian Assange, l’hacker giramondo che ha fatto della rivelazione dei segreti di Stato la sua battaglia personale, culminata, poche settimane fa, con la pubblicazione di oltre novantamila documenti del Pentagono sulla guerra in Afghanistan. Un attacco seguito a stretto giro di posta da un articolo del Wall Street Journal, che svela come il Dipartimento della Difesa americano stia cercando di incriminare Assange - cittadino australiano e quindi non soggetto alla legge Usa - o quanto meno di arginare con ogni mezzo la ”falla” che sta mettendo in serio imbarazzo, se non in pericolo di vita, i suoi agenti sul campo.


>>Continua a leggere "Spie, complotti e accuse contro Julian Assange, l'uomo dei segreti"

3386 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il cremlino segue Obama

Scritto da Spiare.com • Sabato, 31 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti

Lo scambio di spie effettuato la scorsa settimana non è degno di essere discusso. Anche se la storia è senza dubbio adatta a ispirare una fiction televisiva, essa è priva di qualsiasi contenuto appena profondo. Ma la calma riservatezza che la leadership russa ha mantenuto durante tutta la vicenda potrebbe indicare un mutamento sostanziale nella politica estera della Russia.

Durante la sua visita a Mosca, un anno fa, il Presidente americano Barack Obama annunciò quella che sarebbe essenzialmente stata la nuova politica verso la Russia. Dopo aver ascoltato il suo discorso alla New Economic School, l'élite russa, abituata a vedere il mondo in termini di bianco e nero, è rimasta spiazzata.


>>Continua a leggere "Il cremlino segue Obama"

2239 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Putin incontra le spie russe rimpatriate dagli Usa

Scritto da Spiare.com • Domenica, 25 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti

Con le dieci spie russe rimpatriate dagli Stati Uniti - tra cui la ormai celebre Anna la Rossa - il premier Vladimir Putin ha "parlato della vita" e cantato canzoni patriottiche.

Lo ha rivelato lo stesso Putin confermando quanto già dichiarato ieri in Ucraina dove era in visita, a proposito di un incontro da lui avuto con gli agenti russi.

Putin ha raccontato che "accompagnati da una musica vivace abbiamo cantato 'Da cosa comincia la Patria?'", un canto patriottico delle anni Sessanta interpretato per la prima volta in un film popolare del regista Vladimir Bassov sul destino di una spia sovietica nella Germania nazista.


>>Continua a leggere "Putin incontra le spie russe rimpatriate dagli Usa"

3438 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Spie, l'onore ferito di Mosca

Scritto da Spiare.com • Martedì, 13 luglio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Spionaggio

Lo scandalo delle spie che ha tenuto col fiato sospeso il mondo nelle ultime due settimane si è concluso con il più grande scambio di agenti dalla fine della Guerra Fredda.

La soluzione è stata concordata in tempi record, un chiaro segno del miglioramento delle relazioni tra Russia e America.

Washington ha buone ragioni per ritenersi soddisfatta. Gli americani sono riusciti a smascherare una rete di agenti russi sotto copertura, evitando un lungo processo nel quale sarebbero stati costretti a portare prove fragili, e assicurando in cambio il rilascio di quattro russi accusati di aver spiato per l’America e rinchiusi in carcere con condanne pesanti.


>>Continua a leggere "Spie, l'onore ferito di Mosca"

2260 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!