“Su Marte i mattoni della vita”

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 28 novembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Attualità

Sta circolando una voce negli ambienti scientifici (ma anche nel grande oceano di Internet), una voce messa in giro non si sa da chi, anzi in realtà lo si sa benissimo, l’ha messa in giro (informalmente) la Nasa: lunedì prossimo l’agenzia spaziale americana farà un annuncio-bomba che riguarda la vita su Marte, «una scoperta che finirà sui libri di storia» è l’espressione più ripetuta.  Ma di che si tratta? Forse abbiamo trovato, finalmente, i piccoli omini verdi, dopo un’attesa di tanti decenni?O per lo meno la Nasa ha scoperto su Marte qualche mucillaggine schifosa, però viva e vegeta? Per adesso non si sa, ma è certo che c’è sotto qualcosa che ha scovato il robot Curiosity rovistando fra la sabbia e le rocce del Pianeta Rosso.  Il simpatico Curiosity è un robottino di forma non umana, montato su quattro ruote, e dotato di telecamerina, di sensori vari, di un braccio meccanico per raccogliere campioni di terreno, e di sofisticati strumenti di laboratorio per svolgere analisi chimiche. 


>>Continua a leggere "“Su Marte i mattoni della vita”"

2087 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

"Ufo su Milano", l'Aeronautica indaga. Un avvistamento anche in Campania

Scritto da Spiare.com • Domenica, 26 luglio 2009 • Commenti 0 • Categoria: U.f.o

Due avvistamenti nella stessa notte, il 13 giugno scorso, uno nella zona nord-ovest di Milano, al quartiere San Leonardo, l’altro alla Barona. Un video - solo ora reso pubblico - che documenta la prima apparizione, grazie alla prontezza di un residente che ha visto strane luci muoversi nel cielo e ha ripreso tutto con la telecamera.

Un secondo video - del 21 giugno scorso, anche questo reso pubblico nei giorni scorsi - riguarda invece un’apparizione a Giuliano, provincia di Napoli, in località Varcaturo: alle 21.30 appaiono nel cielo sette oggetti luminosi che procedono lentamente in linea retta. Tutti i filmati relativi agli Ovni (Oggetti volanti non identificati) vengono inviati al Reparto generale sicurezza dell’Aeronautica militare a Roma, all’interno del quale dal 1975 esiste una squadra che raccoglie le segnalazioni.


>>Continua a leggere ""Ufo su Milano", l'Aeronautica indaga. Un avvistamento anche in Campania"

3293 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

CERCHI DI GRANO. GLI EXTRATERRESTRI SCELGONO BRIGNANO

Scritto da Spiare.com • Martedì, 7 luglio 2009 • Commenti 0 • Categoria: U.f.o

Due settimane fa in un campo di via Piane sono comparsi più di venti «cerchi di grano» In paese l'«area 51» della Bassa? Tra cerchi nel grano e inquietanti presenze luminose nel cielo, sembrerebbe di sì.

Ma in fondo, quello che avvolge le oscure campagne attorno alla cascina «Le Piane» è un mistero che nessuno, veramente, vorrebbe svelare: inguaribili scettici, o ispirati esploratori dell'ignoto alla «Fox Mulder», nessuno è immune al fascino sognante della fantascienza che irrompe nella piatta campagna verde e rigogliosa di quest'inizio estate. Ma andiamo con ordine.

Tutto è cominciato nella notte di giovedì 18 giugno, in un campo di frumento a sud del paese, dove cinque enormi cerchi, più decine di altri più piccoli, sono comparsi apparentemente senza una spiegazione.

Stando a quanto raccontato dall'agricoltore che venerdì mattina li ha scoperti, infatti, i misteriosi autori non avrebbero lasciato impronte lungo i bordi, nè alcuna traccia di ingresso se non dall'alto.


>>Continua a leggere "CERCHI DI GRANO. GLI EXTRATERRESTRI SCELGONO BRIGNANO"

10019 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Cerchi nel grano a Brignano caccia agli Ufo nella Bassa

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 24 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: U.f.o

In un terreno in località Cascina Piane, per un centinaio di metri, le spighe sono tutte piegate alla radice verso nord ovest, come schiacciate al suolo da un peso enorme. In un punto è visibile persino un piccolo cratere del diametro di due metri e profondo 40 centimetri.

Che si tratti di un disegno sembra certo, anche se è difficile scorgerne la trama da terra. Si tratta grosso modo di una sagoma allungata e sinuosa, con piccoli cerchi staccati dalla figura principale. Ma il vero capolavoro è stato tracciato nel campo vicino: tre grandi cerchi più un semicerchio, all'interno del quale sono stati tracciati 67 ulteriori piccole circonferenze. Un bel mistero.

Forse l'artista alieno è calato dal cielo, ma più prosaicamente dovrebbe essere entrato nei campi da una stradina di accesso che costeggia il fossato. Certo, c'è una sbarra a impedire l'accesso, ma cosa volete che sia per un viaggiatore galattico.

Il fatto si è verificato qualche giorno fa, ma la voce si è sparsa solo questa mattina: c'è chi segnala cerchi anche a Fara Gera d'Adda. Due anni fa un caso simile si verificò a Zanica, in un campo di granoturco (molto più difficile da piegare rispetto al grano). 
La curiosità si è già propagata nella Bassa, tanto da spingere il sensitivo Maurizio Carrara a verificare di persona l'accaduto.


>>Continua a leggere "Cerchi nel grano a Brignano caccia agli Ufo nella Bassa"

5518 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

"I veri Ufo eravamo noi"

Scritto da Spiare.com • Domenica, 12 aprile 2009 • Commenti 0 • Categoria: U.f.o
Cade il segreto militare sull'Area 51. Un veterano: “Testate qui le armi segrete Usa”

L’aereo più veloce del mondo, successive generazioni di velivoli-spia, la capsula lunare Apollo e una base sotto il sito dei test nucleari dove l’accesso è proibito: sono le prime, scarne, notizie sui segreti dell’Area 51 che emergono da documenti del governo Usa declassificati dalla Cia, che ha anche autorizzato a parlare alcuni dei tecnici che vi hanno lavorato.

L’Area 51, a poco più di un’ora di auto a nord-ovest di Las Vegas in Nevada, è la base aerea della quale il governo non riconosce neanche l’esistenza ma dove gli esperti di Ufo ritengono che siano nascosti, dalla fine degli Anni 40, dischi volanti e corpi di extraterrestri. Le testimonianze di tecnici ed esperti della base lasciano aperta tale ipotesi perché, come dice lo scienziato Stanton Friedman, «c’è una base sotterranea» sotto il sito nucleare Jackass Flats nella quale entrano in pochi e «l’esistenza di segreti governativi è un fatto della vita come tanti altri».


>>Continua a leggere ""I veri Ufo eravamo noi""

2481 hits
Tags: ,
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

“U.F.O. E COVER UP”

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 21 gennaio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti

Nell’accogliente giardino estivo della caffetteria “Serre Petitot” si è svolta una nuova conferenza del gruppo GALILEO di Parma, in collaborazione con la sede locale del Centro Ufologico Nazionale.

L’ argomento della serata, il cover up, è stato presentato da Luca Ritali, uno dei consiglieri di GALILEO.

Il relatore ha introdotto il tema dei rapporti tra gli U.F.O. ed i servizi segreti spiegando brevemente le mansioni operative dei servizi stessi e la loro struttura.

Il compito principale dei servizi è quello di proteggere lo stato dalle diverse minacce a cui è sottoposto, e per fare questo vengono adottate due forme diverse di spionaggio.

Quello umano che si basa su degli agenti segreti e quello tecnico che è rappresentato dagli aerei a dai satelliti spia.

E’ stata quindi mostrata all’interessato pubblico una panoramica sull’intelligence americana, in modo particolare sulla C.I.A. (Central Intelligence Agency) e sull’ F.B.I. (Federal Bureau of Investigation), su quella dell’ex Unione Sovietica (il KGB) e su quella italiana (il Cesis ed il Sisde).

Dopo questa premessa necessaria Ritali ha incominciato a parlare del ruolo che i servizi segreti hanno avuto, ed hanno tuttora, in merito agli oggetti volanti non identificati.

Proprio come diceva W. Churchill “la verità è così preziosa che bisogna proteggerla con una continua cortina di menzogne”, sembra che l’operato dei servizi sia finalizzato a questo scopo.

In pratica il loro ruolo, secondo il relatore, sarebbe quello di inquinare le notizie riguardanti gli U.F.O. per farle sembrare false e nascondere la verità.

Lo scopo di questa operazione di insabbiamento e depistaggio sarebbe quello di evitare il panico di massa.

Nel 1938, infatti, O. Welles effettuò una trasmissione radiofonica in cui raccontò un passo del romanzo “la guerra dei mondi”, consistente in alcuni bollettini che informavano la popolazione dello sbarco dei marziani sul pianeta, nei pressi di New York, e di alcune battaglie vinte dagli “spaziali” nei confronti dei terrestri.

Il risultato fu che si sparse immediatamente il panico più totale su tutta la costa orientale degli Stati Uniti. Ovunque c’era gente che scappava fuori città intasando le strade e che si riuniva in chiesa pregando. Chi per l’emozione ebbe un malore e morì chi per non farsi prendere si suicidò. Quando alla fine la radio cominciò a spiegare che si trattava di un romanzo radiofonico e non della realtà non venne creduta. Ci vollero parecchie ore per riprendere il controllo della situazione e ci furono danni per milioni di dollari.

Quindi per evitare situazioni come quella del ’38, secondo il relatore, i servizi segreti sarebbero incaricati di occuparsi dell’occultamento delle prove riguardanti di U.F.O.

Un altro esempio portato all’attenzione del pubblico riguarda il famoso U.F.O. crash di Roswell del 1947.

Questa cittadina si trova nel Nuovo Messico (U.S.A.), ovvero il luogo in cui era concentrato il massimo della tecnologia mondiale del 1947.

Infatti nel New Mexico c’erano le basi in cui vennero effettuati i primi esperimenti nucleari e dove vennero provati i prototipi V2.

Caso strano, quella località era teatro anche di parecchi avvistamenti di oggetti volanti non identificati che volavano sulla zona, ed uno di essi si sarebbe schiantato nel terreno dell’allevatore McBrazel, nelle vicinanze di Roswell.

Dopo aver individuato i rottami del presunto disco, McBrazel avvisò lo sceriffo e la vicina base di Roswell.

I militari recuperarono lo scafo e ci fu l’annuncio ufficiale dell’aeronautica che parlava proprio del recupero di un disco volante.

La notizia venne anche pubblicata sul quotidiano locale il “Daily Record”, alchè il generale di brigata Roger R. Ramey, comandante dell’ottavo distretto Air Force di Forth Worth ed il tenente generale H. Vandenberg, vicecapo dell’Air Force, ordinarono al comandante della base di Roswell, col. Blanchard, di smentire tutta la faccenda e cambiare versione.

La versione ufficiale che fu data alla stampa, in un secondo tempo quindi, parlava del ritrovamento di un pallone sonda con dei manichini.

Il col. Blanchard venne mandato in licenza ed il caso fu presto smontato.

Secondo il relatore, quindi, tutto il caso Roswell rappresenta un esempio lampante della politica di insabbiamento che viene effettuata quando ci sono di mezzo vicende legate agli oggetti volanti non identificati.

Una cosa curiosa, poi, fu che il presidente degli Stati Uniti, Truman, 40 giorni dopo il caso Roswell firmò una legge speciale che in pratica diede il via alla nascita della C.I.A. ed alla costituzione dell’aeronautica come arma propria, capeggiata da quell’ H. Vandenberg che era stato a capo dei servizi segreti e che ordinò l’insabbiamento della vicenda dell’U.F.O. crash.


>>Continua a leggere "“U.F.O. E COVER UP”"

17034 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!