Napoleone, l'imperatore delle spie

Scritto da Spiare.com • Domenica, 22 marzo 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio
Napoleone portò allo spionaggio quel che v'era di matematico, di tecnico, di scientifico nella sua personalità e nella sua preparazione militare.
Fu, come abbiamo appena accennato, il primo condottiero che innalzò il Servizio Segreto al rango di Arma. Gli ufficiali e i soldati che operavano nelle file dello spionaggio militare napoleonico non erano spie, ma solo ufficiali e soldati cui erano stati affidati una missione particolare, un compito delicato, un lavoro pericoloso.
Le qualità, che per prime hanno creato intorno a Napoleone una fama destinata a tramutarsi ben presto in leggenda, sono certamente la sua rapidità di manovra, la sua costante intuizione precisa del punto da attaccare e la scelta perfetta del momento più adatto per l'attacco.
Qualità che, analizzate in base alle nozioni specifiche acquisite sull'uomo Napoleone, portano a una sola conclusione: o Napoleone aveva un dono divino di preveggenza, oppure vi era qualcuno che vedeva per lui di là delle linee nemiche.
In effetti era così, ed è l'indagine utile per giungere a questa conclusione che ci rivela la più alta virtù militare di Napoleone: il suo aver compreso che la conoscenza a priori del dispositivo avversario, del comandante nemico, del suo morale e dei suoi armamenti equivale ad aver già vinto a metà la futura battaglia. In altri termini il grande Corso sapeva sfruttare alla perfezione il Servizio Segreto che con attenta cura era riuscito a creare, articolandolo secondo i suoi desideri.


>>Continua a leggere "Napoleone, l'imperatore delle spie"

3561 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!