L’Entità, il potente controspionaggio del Vaticano

Scritto da Spiare.com • Domenica, 18 ottobre 2009 • Commenti 1 • Categoria: Controspionaggio

E’ da ben cinque secoli che il papato svolge la sua autorità spirituale e religiosa in parallelo ad un’importante attività decisionale nella politica internazionale.

Adolf Hitler giudicava il Vaticano “uno dei più pericolosi e delicati governi della politica mondiale” mentre Napoleone Bonaparte considerava la forza di un solo Papa uguale a quella di un reggimento composto da 200mila soldati.

Era il 1566 quando Papa Pio V fondò l’Intelligence Service pontificio e lo chiamò Santa Alleanza.

Lo aveva fatto al momento in cui si era reso necessario trovare un modo per combattere il protestantesimo della sovrana inglese Elisabetta I.

Più in generale, lo scopo di questo servizio di controspionaggio voleva essere quello di trovare informazioni su chi violava i precetti del Papa e della Cristianità, per portare i colpevoli, o presunti tali, davanti al tribunale dell’Inquisizione.


>>Continua a leggere "L’Entità, il potente controspionaggio del Vaticano"

13258 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Saya, un sedicente 007 con l'hobby di creare partiti

Scritto da Spiare.com • Domenica, 28 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

Dai servizi segreti della Nato esperto di controspionaggio ai guai per truffa e per propaganda di idee sull'odio razziale.

Non si può dire che Gaetano Saya manchi di determinazione. L’uomo ragiona su scala nazionale: «Vogliamo ripulire l’Italia dal marcio che vi si annida, vogliamo, fermissimamente vogliamo riportare una ferrea disciplina in tutta la Patria», dichiara dal suo sito riccamente corredato di fotografie, tra cui un biglietto con dedica autografa di Licio Gelli.

Le guardie nere a cui intende affidare la sicurezza delle città non sono che l’ultima iniziativa dell’operazione pulizia che è sempre stata il suo pallino. «Un pataccaro», lo definì l’ex ministro degli Interni Giuseppe Pisanu.

E in effetti il fondatore del servizio segreto parallelo Dssa, organizzazione per la quale finì in carcere nell’estate 2005, sembra uscito da un film di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Ma secondo alcuni gode di appoggi e finanziamenti grazie ai quali continua comunque a restare a galla.


>>Continua a leggere "Saya, un sedicente 007 con l'hobby di creare partiti"

2689 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

CRISI/ Germania, aumenta lo spionaggio industriale russo. Nel mirino l’efficienza energetica

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 25 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Spionaggio

La Germania sempre più nel mirino dello spionaggio industriale russo. Lo ha rivelato al domenicale Welt am Sonntag il direttore delle attività di controspionaggio dei servizi segreti interni tedeschi, Burkhard Even, nel corso di un'intervista che verrà pubblicata domani.

«Secondo le nostre osservazioni, negli ultimi anni i servizi segreti russi hanno intensificato i loro sforzi per la raccolta illegale di informazioni economiche in Germania poiché è cambiata la richiesta di informazioni da parte del loro governo», ha detto Even.

Il teatro de queste attività è   soprattutto il settore energetico, ha spiegato, sottolineando che i servizi segreti russi aiutano le aziende del Paese nei loro tentativi di entrare nel mercato.


>>Continua a leggere "CRISI/ Germania, aumenta lo spionaggio industriale russo. Nel mirino l’efficienza energetica "

3151 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Tra Bin Laden e il web matrimonio di lunga data

Scritto da Spiare.com • Domenica, 18 gennaio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio
L'uso dei siti internet pedofili da parte dei terroristi islamici, denunciato dal controspionaggio britannico, e' solo l'ultima frontiera del jihad elettronico. Quello tra la rete di al-Qaeda e il web e' un matrimonio che parte da lontano, o almeno dagli albori della guerra globale contro il terrorismo islamico. Questo perche', per vincere la lotta contro l'Occidente, sin dal 2002 gli uomini di Osama Bin Laden hanno capito che il fronte mediatico ed informativo era altrettanto importante quanto quello del Jihad sul campo di battaglia. Tutto inizia in quel periodo, pochi mesi dopo l'invasione americana dell'Afghanistan, quando nasce il primo sito internet ufficiale dell'organizzazione terroristica denominato 'Jehad.net'. Il primo comunicato diffuso da questo sito e' stato pubblicato nel settembre del 2002 per smentire la notizia, diffusa dalle autorita' americane, dell'arresto in Pakistan di Ramzi Bin Shibah, ritenuto uno dei complici degli attentati dell'11 settembre del 2001. Questo sito pero' veniva facilmente oscurato dagli hacker o dalle autorita' che vigilano sul web, e per questo nel 2004 la strategia e' cambiata ed ha puntato sui forum. Il primo e' stato il forum degli Ansar, al quale ne sono seguiti molti altri. Si tratta di siti nei quali gli utenti possono registrarsi e comunicare tra loro, divulgando propaganda jihadista, video ed altri documenti.

Anche i forum sono stati piu' volte oscurati, ma quello che e' durato piu' a lungo diventando il piu' importante e' il forum di al-Hesbah. Nato nel 2005 e' stato chiuso definitivamente solo pochi mesi fa ed ospitava una sezione dedicata ai comunicati delle varie cellule di al-Qaeda nei quali i membri del forum avevano il diritto di sola lettura. In questo modo, potendo pubblicare documenti solo i responsabili dei vari gruppi armati, era possibile verificare l'autenticita' dei messaggi. Proprio in quel periodo erano frequenti in Iraq i rapimenti dei cittadini occidentali, come ad esempio quello dell'italiana Giuliana Sgrena, e nel corso delle trattative in questi forum era facile trovare falsi comunicati nei quali si annunciava la morte dell'ostaggio diffusi solo per fare pressione sulle autorita' occidentali impegnate ad ottenerne il rilascio. Proprio in quel periodo, grazie al web, al-Qaeda riesce a fare un altro salto di qualita' nel settore della propaganda dando vita alla casa di produzione al-Sahab. Si tratta di una sigla dietro la quale si muovono alcuni terroristi, operanti tra il Pakistan e l'Afghanistan, che girano e montano tutti i filmati di propaganda del gruppo. Sono loro che realizzano i video messaggi di Osama Bin Laden e al-Zawahiri. In realta' lo facevano anche prima del 2005 ma avevano grosse difficolta' nella distribuzione di questi video, dovendo di nascosto recapitarli a mano nella redazione di Islamabad di al-Jazeera che provvedeva poi a trasmetterli. Da quel momento invece, tramite questi forum, vengono veicolati tutti i videomessaggi piu' importanti che saranno disponibili sia per gli internauti islamici che per i media internazionali.


>>Continua a leggere "Tra Bin Laden e il web matrimonio di lunga data "

2376 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!