In crescita cyber-spionaggio cinese contro Usa, dice rapporto

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 20 novembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Spionaggio

Il governo cinese sembra sempre più coinvolto in intrusioni in reti informatiche del governo Usa e del settore della Difesa, per raccogliere dati utili ai propri militari: è quanto ha segnalato una commissione di consulenti del Congresso.

"Un grosso numero di circostanze e prove indica fortemente che lo stato cinese è coinvolto in attività di questo genere", ha detto la U.S.- China Economic and Security Review Commission nel suo rapporto 2009 al Congresso.

La commissione bipartisan formata da 12 membri, è stata costituita nel 2000 per analizzare le implicazioni del commercio in crescita con la Cina.

Pechino ha iniziato ad allargare le proprie preoccupazioni per la sicurezza nazionale oltre al potenziale scontro sullo Stretto di Taiwan e questioni che riguardano la sua periferia, dice il rapporto di 367 pagine.


>>Continua a leggere "In crescita cyber-spionaggio cinese contro Usa, dice rapporto"

1863 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il grande occhio cinese

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 13 agosto 2009 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti

Quando scrisse L’arte della guerra, Sun Tzu riservò un intero capitolo all’encomio dello spionaggio. Mancava­no 300 anni alla nascita di Cristo e l’elite cinese mostrò di aver ben chia­ri i vantaggi tattico strategici di una seria intelligence.

Il dominio mongolo non fece che su­blimare le idee di sorpresa, mobilità e astuzia, già professate dal filosofo del IV secolo. Il Paese le assimilò tal­mente che la Costituzione autorita­rio- repubblicana del 1982 non poté fare a meno di elevare im­plicitamente lo spio­naggio a dovere civi­co (artt. 53-54).

Tut­tora vigente, la Carta dell’ 82 esorta il po­polo a preservare i segreti dello Stato (e a supportare gli or­gani dell’intelligence nazionale).


>>Continua a leggere "Il grande occhio cinese "

2798 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La Cina all’industria dei Pc: «Vendeteli assieme ai filtri»

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 8 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Sorveglianza Informatica

Il governo cinese ha dato l'annuncio ai produttori di hardware di tutto il mondo: a partire dall’inizio di luglio, i computer destinati alle vendite nel Paese dovranno essere venduti assieme a un software che impedisca l'accesso ai siti internet vietati.

FILTRO OBBLIGATORIO - Due le opzioni a disposizione dei produttori: inserire il programma di default nelle macchine o venderlo assieme ai Pc, su dischetto, pronto per l’installazione. Oppure - terza alternativa - scegliere di non sottostare all’obbligo imposto e rinunciare quindi a un’importante fetta di mercato.

Tuttavia, secondo i rappresentanti dell’industria dei computer che hanno esaminato il software prescelto dal governo (che in pratica collegherebbe ogni Pc al mega database dei siti «banned»), l’installazione del programma in questione da parte degli utenti potrebbe causare malfunzionamenti del sistema e renderlo vulnerabile ad attacchi, senza contare che per gli internauti non sarebbe facile determinare quali contenuti vengono bloccati e quali no.

Hewlett-Packard - il produttore americano che detiene la fetta più grande del mercato cinese - ha dichiarato di essere già in contatto con il governo del Paese al fine di trovare il modo migliore per affrontare la questione, e che l’intenzione è quella di fornire un prodotto che soddisfi le esigenze dei consumatori in termini di qualità e sicurezza, nell’osservanza delle limitazioni imposte.


>>Continua a leggere "La Cina all’industria dei Pc: «Vendeteli assieme ai filtri»"

2609 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Dalla Cina la più grande rete di spie informatiche

Scritto da Spiare.com • Martedì, 31 marzo 2009 • Commenti 0 • Categoria: Internet e sicurezza

Scoperta un'operazione di spionaggio in grande stile, forse ad opera del governo cinese, che nega tutto. Sarebbero al lavoro da due anni i pirati informatici di Pechino, e si sarebbero infiltrati in 1300 computer, in 103 paesi di tutto il mondo.

Secondo i ricercatori dell'Università di Toronto, che hanno scoperto i movimenti sospetti, sono state prese di mira le istituzioni più importanti del pianeta, ma non è stato possibile dimostrare che c'è davvero la Cina dietro a tutto, anche se i colleghi di Cambridge ne sono più che convinti.

L'operazione GhostNet (Rete Fantasma) è ancora attiva, anche se il console cinese di New York etichetta il tutto come "vecchie storie e vecchie sciocchezze".  Certo, non ci aspettavamo che confermasse le teorie sull'attacco informatico più vasto mai realizzato, come si legge sull'articolo del NYT, che ha portato la faccenda alla luce.


>>Continua a leggere "Dalla Cina la più grande rete di spie informatiche "

1864 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

«La Cina SPIA 103 Paesi»

Scritto da Spiare.com • Domenica, 29 marzo 2009 • Commenti 0 • Categoria: Internet e sicurezza
Operazione Rete Fantasma, infiltrati 1.300 «computer eccellenti». Spiato anche il Dalai Lama. Ma Pechino nega

GhostNet è al lavoro da due anni. In silenzio, senza destare il minimo sospetto, la «rete fantasma » si è infiltrata in 1.300 computer di 103 differenti Paesi, rovistando tra documenti top secret e password di uffici governativi, ambasciate, archivi. Nel mirino anche le sedi dell'organizzazione in esilio del Dalai Lama a Dharamsala (India), Bruxelles, Londra e New York. Un lavoro da hacker, i «pirati» di Internet. Un vero e proprio assalto che secondo alcuni ricercatori dell'Università di Toronto - che sono riusciti a smascherare la rete - avrebbe origine nella Repubblica popolare.

Ronald J. Deibert, Greg Walton, Nart Villeneuve e Rafal A. Rohozinski del Munk Center for International Studies, secondo il New York Times, non hanno potuto confermare il coinvolgimento diretto del governo di Pechino. Ma altri esperti, Shishir Nagaraja e Ross Anderson dell'Università di Cambridge, sono stati meno diplomatici: «La responsabilità» di questa azione «è della Cina». Secca la reazione: «Sono vecchie storie e vecchie sciocchezze - ha detto il portavoce del console cinese a New York, Gao Wenqi -. Il nostro governo è contrario e proibisce severamente i crimini informatici». Fbi e Cia, informati dell'esistenza di GhostNet, non hanno commentato. Certo appare molto inquietante il fatto che la rete sarebbe ancora attiva.


>>Continua a leggere "«La Cina SPIA 103 Paesi»"

1971 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La Cina accusa gli Usa di spionaggio dopo lo scontro navale di domenica

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 11 marzo 2009 • Commenti 0 • Categoria: Intelligence

Dopo la battaglia navale partono le accuse di spionaggio della Cina contro gli Usa.

Domenica c'era stato l'incidente navale oggi Pechino accusa Washington di spionaggio dopo che il Pentagono ha denunciato che cinque navi cinesi hanno effettuato manovre pericolose portandosi in stretta vicinanza della USNS Impeccable, di una nave americana impegnata in ricerche oceanografiche in acque internazionali.

Pechino, che ieri aveva risposto sostenendo che la nave americana aveva sconfinato in acque cinesi, oggi ha rincarato la dose: i vertici della marina, citati dai quotidiani di Stato, hanno accusato senza mezzi termini la USNS di svolgere attivita' di spionaggio.


>>Continua a leggere "La Cina accusa gli Usa di spionaggio dopo lo scontro navale di domenica"

3912 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Lo spionaggio cinese ruba negli Usa notizie sulla difesa aerea di Taiwan

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 4 marzo 2009 • Commenti 0 • Categoria: Intelligence

Un dipendente del Pentagono avrebbe venduto “informazioni segrete” a un taiwanese, in contatto con spie cinesi. Riserbo dei rispettivi governi, che studiano la situazione.

Si teme ci siano informazioni sul sistema di difesa aerea di Taiwan e altra tecnologia ceduta al'isola dagli Usa nei segreti carpiti negli Stati Uniti dallo spionaggio cinese. La vicenda era emersa due giorni fa, quando il Dipartimento di giustizia a Washington ha rivelato l’arresto di Gregg Bergesen, esperto di sistemi difensivi presso il Pentagono all’Agenzia di cooperazione per sicurezza e difesa. E' accusato di avere venduto “informazioni segrete” a Tai Shen Kuo, taiwanese naturalizzato statunitense arrestato ieri. Kuo, commerciante di mobili a New Orleans, avrebbe poi trasmesso i dati a Pechino tramite il cinese Kang Yuxin, pure arrestato.


Il sistema, chiamato “Bo Sheng” o anche “Broad Victory”, sarebbe cruciale per la difesa di Taiwan contro un attacco dalla Cina, che ritiene l’Isola come parte del suo territorio e ha oltre 900 missili sempre puntati contro di lei.


In un comunicato, il ministro taiwanese della Difesa esprime “preoccupazione” per il denunciato furto di notizie segrete e dice che sta prendendo “provvedimenti adeguati”.


>>Continua a leggere "Lo spionaggio cinese ruba negli Usa notizie sulla difesa aerea di Taiwan"

4749 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Cina: un nuovo sistema operativo per spiare le persone?

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 5 dicembre 2008 • Commenti 0 • Categoria: Sorveglianza Informatica

Solo paranoia o l’ennesimo tentativo di controllare i cinesi on line?

Da quando una cittadina della Cina del Sud è stata costretta a cambiare i propri sistemi operativi con sistemi operativi sviluppati in Cina, sono emerse nuove paure su nuovi modi di spiare i cittadini da parte delle autorità.

E’ infatti di ieri la notizia che le autorità cinesi stiano spingendo la diffusione del software Linux Red Flag negli Internet Cafè. Formalmente l’iniziativa è dovuta a un tentativo di legalizzare queste attività eliminando il software piratato. Tuttavia una stazione radio statunitense, Radio Free Asia sostiene che è solo un nuovo modo per spiare i cittadini cinesi.

La controprova sarebbe che ora sembra che le autorità cinesi stiano facendo pressioni per la diffusione del Red Flag di Linux anche negli Internet Cafè che hanno software Windows con tanto di licenza.


>>Continua a leggere "Cina: un nuovo sistema operativo per spiare le persone?"

4618 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!