Rifiuti a Napoli, la ragnatela tra servizi segreti istituzioni e faccendieri della camorra

Scritto da Spiare.com • Sabato, 12 febbraio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Attualità

Presenze ingombranti e ombre sull’eterna emergenza campana. Nel 2005 l’incontro tra il latitante Michele Zagaria, capo indiscusso dei Casalesi, e delegati delle istituzioni per discutere di affari e rifiuti, con la mediazione di intermediari dei servizi. Le indagini dovranno chiarire i contorni di questo eventuale patto, ma un fatto è certo: gli 007 hanno avuto un ruolo nei periodi più gravi dell’emergenza. “E’ normale che ci fossero agenti dei servizi – racconta una fonte investigativa – . Se dopo anni il problema è rimasto irrisolto tutti i corpi dello stato hanno fatto il possibile, dato il proprio contributo”.

Proviamo a capire meglio queste presenze. Uomini dei servizi segreti entravano e uscivano dal Commissariato per l’emergenza rifiuti a Napoli come se fossero stati a casa loro. Nel periodo di gestione di Guido Bertolaso, l’ex capo della protezione civile dava sempre per scontata questa presenza. Uno degli archivi viventi sullo scandalo rifiuti è Giulio Facchi. Ex sub commissario, imputato nel processo madre che vede sotto accusa anche Antonio Bassolino e i vertici (ex) di Impregilo, racconta che organizzò un incontro tra gli uomini dei servizi proprio con Antonio Bassolino, allora commissario all’emergenza. “Fu io a fissare quell’incontro visto che in altre occasioni – racconta Facchi – mi ero incontrato con un altro funzionario, almeno tre quattro volte, l’agente A.C. Sono certo che i servizi, dopo il 2004, riuscirono alla fine a piazzare un loro uomo all’interno del commissariato, una persona che era già stata consulente di un consorzio casertano”.


Localizzatore satellitare Gps


>>Continua a leggere "Rifiuti a Napoli, la ragnatela tra servizi segreti istituzioni e faccendieri della camorra"

3530 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Policlinico Gemelli di Roma lancia l'allarme dipendenza da Facebook.

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 31 gennaio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Attualità

Facebook o non Facebook? Questo è il problema, per lo meno quello dei tempi attuali.Da quando il social network più famoso del mondo è entrato nelle nostre vite, è stata sancita per molti adolescenti la fine delle relazioni sociali, quelle vere, quelle di un tempo lontane dalle perverse logiche del tag.Ci si parla attraverso la chat, ci si vede attraverso la webcam, ci si saluta attraverso Skipe e si spiano le vite virtuali altrui, in particolare quelle dei propri partner o dei propri figli.La dipendenza virtuale è un fenomeno sempre più chiaro tanto che adesso a preoccupare sono i dati del Centro per le psicopatologie da web del Policlinico Gemelli di Roma.

Più di 170 sono i pazienti che si rivolti al Centro diretto dallo psichiatra Federico Tonioni.Le vittime principali sono gli adolescenti dipendenti da Facebook, gli over trentenni prede del gioco d'azzardo on line o della pornografia in rete e le coppie messe sempre di più a dura prova dalla "seconda" vita virtuale.«Aggressività e depressione sono i primi sintomi di astinenza da pc che vediamo nei nostri pazienti – ha spiegato il Dottore Tonioli - mentre il principale segno di intossicazione è la dissociazione». «Quando si chatta – ha proseguito Tonioli - si curiosa nei profili degli amici, si gioca o si guardano i porno senza essere concentrati come quando si lavora al pc, ma piuttosto si è assorti. È come in un sogno a occhi aperti, siamo lievemente dissociati. Il punto è che questo straniamento non dura qualche minuto, ma va avanti per un tempo indeterminato: si può stare così davanti allo schermo per ore e ore, e questo non è più fisiologico».

Software Spiare PC


>>Continua a leggere "Il Policlinico Gemelli di Roma lancia l'allarme dipendenza da Facebook."

3911 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

WIKILEAKS: CIA HA USATO BASE AEREA TURCA PER TRASPORTO TERRORISTI

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 19 gennaio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Attualità

La Cia americana ha usato una base aerea turca, con l'accordo di Ankara, per trasportare presunti terroristi. Lo annuncia oggi il quotidiano tedesco Die Welt riportando telegrammi diplomatici diffusi da Wikileaks.

In totale 24 aerei dei Servizi segreti americani hanno usufruito della base di Incirlik, nel sud della Turchia, tra il 2002 e il 2006, data in cui le autorita' locali hanno revocato il permesso per il trasferimento dei prigionieri. Il quotidiano riporta un telegramma datato 8 giugno 2006 e ottenuto dal giornale norvegese Aftenposten insieme ai 250 mila documenti raccolti da Wikileaks, in cui l'ambasciatore americano ad Ankara cita il permesso accordato dalla Turchia agli aerei della Cia: ''Le autorita' militari turche ci hanno autorizzati a usare, a partire dal 2002, la base di Incirlik per rifornire gli aerei delle operazioni di trasporto prigionieri ma hanno revocato i permessi a febbraio di quest'anno''.

Recupero sms cancellati


>>Continua a leggere "WIKILEAKS: CIA HA USATO BASE AEREA TURCA PER TRASPORTO TERRORISTI"

2648 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Servizi Segreti ed il mistero della Banda della Magliana

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 14 gennaio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Servizi Segreti

Sono davvero molti i misteri che non sono stati ancora svelati riguardo alla banda della Magliana come se attorno a questa banda fosse stato costruito un muro di omertà e silenzio impossibile da abbattere.Enrico De Pedis, il boss della banda della Magliana, è stato considerato colpevole di numerosi delitti eppure adesso riposa in una cripta attorniato da monsignori e cardinali e ha ricevuto il benestare del Vicario del Papa. Perchè? Che rapporti ci sono tra la banda della Magliana e il Vaticano?Nell’ormai lontano 1983 scomparve la giovane quindicenne Emanuela Orlandi. Ormai è chiaro che la banda della Magliana ha avuto un ruolo importante se non addirittura centrale in questo rapimento. Perchè ancora oggi a distanza di quasi trent’anni non si riesce a scoprire niente di nuovo riguardo a questo caso? Perchè coloro che sanno qualcosa continuano a chiudersi nel loro silenzio? Di cosa hanno paura?


A queste e molte altre simili domande si cerca di dare risposta in questo testo mettendo in luce le verità sulla banda della Magliana e le sue relazioni con la mafia, la camorra, i servizi segreti e le persone più influenti del mondo dell’imprenditoria, della politica e della chiesa grazie alla testimonianza di Sabrina Minardi che è stata per oltre dieci anni l’amante di Enrico De Pedis e che è parente di un intoccabile spesso chiamato semplicemente L’Innominato.

Microregistratori audio


>>Continua a leggere "Servizi Segreti ed il mistero della Banda della Magliana"

2932 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!