Allarme antifurto a batteria - Bloccaporta

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 28 novembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Sicurezza personale

IDEA REGALO!!
Questo allarme antifurto economico che funziona a batteria è un dispositivo di protezione personale molto efficiente ed affidabile per mettere in sicurezza le nostre porte. I furti con scasso nelle nostre case sono in aumento vertiginoso e ad essere a maggior rischio di intrusione,subito dopo le finestre, sono proprio le porte delle nostre abitazioni.

L'allarme bloccaporta portatile a batteria è utilissimo soprattutto quando ci troviamo all'interno dell'abitazione. Basta posizionare il bloccaporta dietro la porta e accenderlo con l'interruttore on/off. Al tentativo di aprire la porta dall'esterno, la piastra metallica viene spinta in basso, la porta resta bloccata ed un allarme acustico fortissimo entra in azione.


>>Continua a leggere "Allarme antifurto a batteria - Bloccaporta"

2685 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Password sul web, è allarme sicurezza

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 21 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Sorveglianza Informatica

Un'analisi condotta dalla Imperva - società che si occupa di sicurezza in rete -riportata dal New York Times ha dimostrato che milioni di utenti di Internet usano le stesse password. Parole chiave come "123456" - la più usata -, "0", "password", "iloveyou", "abc123" a cui viene affidata la segretezza dei dati.

L'Imperva ha analizzato 32 milioni di password che uno sconosciuto hacker aveva rubato il mese scorso da "Rock You" - una società che crea software per social network come Facebook e MySpace - , la lista era poi finita per breve tempo sul web e i ricercatori di Imperva l'hanno trovata.

Usare per password parole o cifre facilmente decifrabili rappresenta un pericolo, gli hacker possono facilmente venirne a conoscenza e entrare negli accounts degli utenti rubando dati personali. Il rischio più grande si corre se la password crackata consente di accedere a conti correnti o carte di credito.


>>Continua a leggere "Password sul web, è allarme sicurezza "

3081 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Metti l'allarme alla tua posta elettronica

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 18 settembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Internet e sicurezza
La tua vita gira intorno alle email: ricevi notizie di lavoro, custodisci i tuoi segreti bancari e conservi quelle a cui sei più affezionato.

Ma hacker o amici traditori potrebbero intrufolarsi indebitamente. Proteggiti con il primo antifurto per email!

Email e truffe all’ordine del giorno – Non sottovalutare l’importanza delle email perché se qualcuno riesce a entrare nei tuoi account potresti essere davvero nei guai.

Molte volte le password sono troppo ovvie (nome del cane, data di nascita, targa auto, ecc...) e amici o ex fidanzate possono spiare cosa stai combinando; ma in altri casi il danno è ben più grave perché hacker ben attrezzati potrebbero sfondare le barriere e ricavare dati sensibili dalle tue email. Ad esempio password e username dei tuoi conti bancari.

Oltre che proteggerti sarebbe anche utile avere un antifurto che ti segnala se qualcuno sta leggendo le tue email a tradimento, ed ecco che entra in azione Tripwi.re.


>>Continua a leggere "Metti l'allarme alla tua posta elettronica"

1946 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Intercettazioni: dopo stampa, allarme da Internet

Scritto da Spiare.com • Martedì, 16 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Intercettazioni

"Non solo la stampa: è allarme anche dalla Rete per il disegno di legge sulle Intercettazioni. Sotto la lente, la parte del provvedimento che disciplina l’istituto della rettifica che, in caso di approvazione definitiva, si estenderebbe anche a tutti i siti Internet, blog compresi.

In particolare, tra i passaggi sotto accusa del comma 28 dell’articolo 1 del ddl, l’obbligo per il responsabile di qualsiasi sito informatico (e quindi non solo delle testate giornalistiche online) alla rettifica, secondo quanto prevede la legge sulla stampa (n. 47 dell’8 febbraio 1948), fino a ipotizzare la cancellazione del testo ritenuto diffamatorio. Se si omette di adempiere a quest’obbligo entro 48 ore (come avviene appunto per le testate giornalistiche), il responsabile del sito verrebbe condannato ad una sanzione pecuniaria.

«È un provvedimento superfluo - dice Andrea Monti, esperto di diritto della Rete e presidente dell’Alcei, l’associazione per la libertà nella comunicazione elettronica interattiva -. L’articolo 27 della Costituzione, al comma 1, già prevede un principio generale di responsabilità. Se in un blog c’è un utente che diffama può già essere citato a rispondere penalmente o civilmente».


>>Continua a leggere "Intercettazioni: dopo stampa, allarme da Internet"

3521 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

ALLARME SU GPS, RISCHIA COLLASSO NEL 2010

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 20 maggio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Localizzazione satellitare

La rete satellitare che offre al mondo le funzioni Gps rischia di entrare in crisi e forse di andare ko nel giro di un anno, se non verranno attivati nuovi satelliti che la rafforzino.

L'allarme è partito da un'agenzia del governo federale americano, che teme black-out per le operazioni militari e disagi anche per chi utilizza il Gps per direzioni stradali su navigatori per auto e telefonini.

Secondo una relazione del Gao, l'ufficio che si occupa di controllare la spesa pubblica americana, la mancanza di sufficienti investimenti e la cattiva gestione potrebbero danneggiare alcuni dei satelliti che mandano i segnali Gps.


>>Continua a leggere "ALLARME SU GPS, RISCHIA COLLASSO NEL 2010"

2077 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Cybercrimine tra allarme e bluff

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 10 dicembre 2008 • Commenti 0 • Categoria: Internet e sicurezza

Tra sovraffollamento e pirateria informatica per la rete sembra un periodo nero: ma la situazione è davvero così tragica?

L’Herald Tribune riporta il responso: «La sicurezza di Internet si è rotta e nessuno sa come aggiustarla». Le software house che si occupano di produzione informatica, infatti, denunciano il collasso imminente: il terrorismo digitale nella vita quotidiana è sempre più forte e veloce e nessuno è in grado di arginarlo.

L’azienda anti-virus McAfee, con due settimane di ritardo rispetto alla concorrente Symantec, definisce senza mezzi termini i rischi connessi al collasso di Internet: «Un attacco informatico di grandi dimensioni potrebbe avere conseguenze economiche peggiori di quelle dell’11 settembre». 

I pirati informatici, attualmente, sembrano essere più veloci dei tecnici e si adattano molto rapidamente ai cambiamenti della rete ufficiale. In ottobre un gruppo di ricerche indipendenti dell’Atlanta ha denunciato il numero sempre crescente di computer infettati quotidianamente: attualmente risultano “malati” il 15% dei computer connessi (rispetto al 10% degli infetti nel 2007).

Ma da dove arrivano i virus? Secondo le ricerche del Panda Labs oltre 10 milioni di terminali sarebbero impegnati ogni giorno a distribuire virus e spam nella rete mentre gli anti-virus ufficiali finora in vendita non sarebbero ancora in grado di eliminare la maggior parte delle “infezioni”: Stuart Stainiford, direttore dell’istituto di ricerca FireEye per la sicurezza di Silcon Valley, ha presentato i risultati di una inquietante ricerca che ha provato l’inefficienza dei sistemi di protezione attuali. Nel test 36 anti-virus in commercio sono stati sottoposti ad un bombardamento di “malware” e sono riusciti ad individuarne e a corrergene meno della metà.


>>Continua a leggere "Cybercrimine tra allarme e bluff"

1982 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!