Una tenda anti-microspie. Così Obama si difende dalle spie

Scritto da Spiare.com • Martedì, 12 novembre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

Barack Obama è sicuramente l'uomo che di spie se ne intende.Non ci voleva lo scandalo del Datagate per capirlo. Da anni viaggia sempre con una tenda anti intercettazione da microspie all'interno del suo bagaglio di viaggio: una specie di tenda da campeggio, che ha una stoffa particolare per isolare e proteggere le proprie comunicazioni e colloqui sensibili da orecchie e occhi indiscreti. Molto simile a quella rinvenuta e subito smantellata, sull'ultimo piano dell'ambasciata britannica a Berlino, e che ha fatto finire Londra nell'occhio del ciclone della Cancelliera Angela Merkel.

La tenda "anti microspie" è corredata di un apparato denominato "generatore di rumore bianco" che praticamente genera un rumore di sottofondo impedendo alla microspie e micro registratori vocali di trasmettere o registrare la conversazione che avviene all'interno della tenda.


>>Continua a leggere "Una tenda anti-microspie. Così Obama si difende dalle spie"

8357 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Pc e smartphone a rischio, l'esperto di controspionaggio: "Connettetevi ad Internet solo quando necessario"

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 17 ottobre 2013 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

E’ da qualche tempo che sul Web non si sente più parlare di sicurezza informatica. Un tempo gli allarmi virus erano all’ordine del giorno, mentre oggi sembra quasi di vivere una Rete idealmente sicura, dove gli hacker sono soltanto una lontana e sbiadita minaccia incapace di spaventare e creare danni. Ma è realmente così? Abbiamo intervistato Francesco Polimeni, esperto di controspionaggio (proveniente dai reparti della Polizia di Stato) e amministratore di Spiare.com, società leader in Italia nello sviluppo di tecnologie anti intercettazione, che opera nel settore da oltre 15 anni.

I malware non rappresentano più una minaccia, si sono “estinti” oppure il bersaglio degli hacker è semplicemente cambiato?
"I virus informatici esistono eccome, forse sono anche più numerosi di prima. Attualmente sono in crescita gli attacchi hacker per furti online e violazioni dei sistemi informatici. In prima posizione ci sono le attività del cyber crimine (75%), attacchi che hanno come obiettivo l'arricchimento veloce. Tra tutti gli episodi, il 37% tratta soggetti che frequentano l'ambito finanziario ed il 24% attività commerciali e ristoranti. Il target sono i dati delle carte di credito dei clienti. In forte crescita è il fenomeno dello spionaggio industriale, con attacchi mirati a fabbriche e società di servizi (statistiche del Data Breach Investigations Report). La lotta al cyber-crimine è poco esaltante. Il 66% degli attacchi sono scoperti dopo alcuni mesi. In forte calo gli episodi di furti di dati per finalità "politiche" dagli hacktivist, ciò spiega il cambio di strategia operato dagli hacker, i quali orientano la loro attività su azioni dimostrative e sugli oscuramenti dei siti web. Il vero cambio di rotta è quello del Cyber Warfare, "guerra informatica" tra varie nazioni, che sta vivendo una vera escalation".


>>Continua a leggere "Pc e smartphone a rischio, l'esperto di controspionaggio: "Connettetevi ad Internet solo quando necessario""

12566 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Le nuove spie della Cia: forni e televisori

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 21 gennaio 2013 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

Avviare la lavatrice durante la corsetta al parco, aggiustare le luci del soggiorno dal supermercato e accendere il forno, aspettando di tornare a casa inghiottiti dal traffico. Se da una parte le connessioni e i comandi wireless degli oggetti di uso quotidiano potrebbero rendere più semplice la vita delle persone, dall’altra potrebbero essere attività facilmente rintracciabili, dati memorizzabili per mappare luoghi e abitudini di chiunque. Tanto che servizi di intelligence potrebbero sfruttarli come una nuova tecnica di spionaggio, e sostituire così le care e vecchie cimici nascoste per casa. La Cia prima di tutti. A suggerirlo è lo stesso direttore dell’agenzia di intelligence, David Petraeus, come riporta Wired.com, intervenuto a una conferenza della In-Q-Tel, una società che si occupa di sviluppare nuove tecnologie da applicare nel campo dell’intelligence, sostenuta dalla stessa Cia.


>>Continua a leggere "Le nuove spie della Cia: forni e televisori"

6443 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Iran, fra l'embargo Ue e l'ipotesi militare

Scritto da Spiare.com • Mercoledì, 1 febbraio 2012 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

La tensione fra Usa e Iran è ormai alta da diversi mesi, Israele grida sempre più forte e l'Ue ha accolto l'embargo verso lo stato dei Pasdaran. Ciononostante le dinamiche fra i molti paesi coinvolti nella vicenda non sono del tutto chiare, né lo sono gli interessi di ciascuno.Riassumiamo brevemente le ultime vicende. Secondo fonti delle intelligence statunitense ed israeliana l'Iran sta lavorando al nucleare militare. L'Iran smentisce ma ormai la notizia è accettata come certa dalla comunità internazionale. Usa ed Israele hanno convinto l'Ue ad optare per l'embargo: a partire dal prossimo 1 luglio niente più rifornimenti di merce, stop alle importazioni di petrolio. Di contro l'Iran minaccia di chiudere lo stretto di Hormutz, quel budello di mare largo appena 22 miglia attraverso il quale passa gran parte del petrolio mondiale.Gli stati occidentali, ad una prima osservazione, avrebbero molto da perdere dall'intera operazione. Economicamente il blocco delle importazioni di petrolio da parte dell'Ue rischia di creare più danni a questa che all'Iran. In particolare le economie italiana (l'Italia è il primo importatore europeo di petrolio iraniano), spagnola e greca rischiano di subire un gravissimo colpo. Al contrario l'Iran potrebbe facilmente dirottare le proprie esportazioni verso la Cina e i paesi limitrofi, senza subire danni rilevanti alla propria economia.


Rilevatori di microspie


>>Continua a leggere "Iran, fra l'embargo Ue e l'ipotesi militare"

2859 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Così il controspionaggio iraniano lotta con le intelligence straniere

Scritto da Spiare.com • Sabato, 14 gennaio 2012 • Commenti 1 • Categoria: Controspionaggio

Il controspionaggio iraniano è al lavoro per tappare i buchi e le falle nel sistema e fermare una campagna di attentati contro uomini e installazioni del programma nucleare nazionale. Ieri è morto uno scienziato nell'esplosione della sua macchina, Ahmadi Roshan, giovane vicedirettore di un complesso per l'arricchimento dell'uranio a Natanz, dopo che martedì il capo di stato maggiore di Israele, Benny Gantz, aveva avvertito che l'Iran "deve aspettarsi più 'eventi innaturali' nel 2012".I successi più grandi per ora sono contro i servizi americani. Quello che si conosce si deve ad alcune spiegazioni date a novembre sulla porta del consiglio dei ministri da Heydar Moslehi, 54 anni, capo del ministero dell'Intelligence iraniano. Moslehi ha ricordato che a maggio 2011 è stato arrestato un gruppo di 30 informatori della Cia – alcuni lavoravano per il governo – e a novembre è stato arrestato un altro gruppo da dodici. In mezzo c'è stato l'arresto di un terzo gruppo di informatori a Beirut, si dice favorito dall'aiuto di Moslehi e dalla sua condivisione di risorse e tecnologia con Hezbollah e con i servizi libanesi. 


Microspie GSM


>>Continua a leggere "Così il controspionaggio iraniano lotta con le intelligence straniere "

2478 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

COME SVOLGO UN INTERVENTO DI BONIFICA ELETTRONICA DA MICROSPIE

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 17 ottobre 2011 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio
Una volta sul posto da bonificare, dotato di uno speciale laboratorio per bonifiche da microspie, comincerò ad eseguire una serie di ispezioni.
I locali dovranno essere preferibilmente sgombri per esempio nel weekend, nelle ore notturne o comunque in orari in cui nel locale da sottoporre non sia presente nessuno.

Esame dello spettro radio dalle VLF alle SHF allo scopo di individuare eventuali dispositivi d'intercettazione, sia audio sia video, utilizzanti qualsiasi tipo di modulazione, sia analogica sia digitale.
Esame elettronico e fisico degli impianti telefonici presenti all'interno dei locali e dell'eventuale centralina allo scopo di individuare eventuali dispositivi d'intercettazione.

Esame elettronico dei locali, degli arredi, delle suppellettili e delle pareti allo scopo di individuare, mediante rivelatore di giunzioni non lineari, eventuali dispositivi elettronici, di qualsiasi natura, occultati, anche spenti o non funzionanti.
Esame dei cablaggi elettrici ed elettronici presenti nei locali allo scopo di identificare possibili mezzi d'intercettazione.

Spiare PC


>>Continua a leggere "COME SVOLGO UN INTERVENTO DI BONIFICA ELETTRONICA DA MICROSPIE"

2346 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

CORSO PRATICO IN TECNOLOGIE INVESTIGATIVE E BONIFICHE ELETTRONICHE

Scritto da Spiare.com • Martedì, 27 settembre 2011 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

Francesco Polimeni, amministratore della Polinet Srl, propone il Corso Pratico in Tecniche Operative d'Intelligence con relative applicazioni nei settori della Sorveglianza, Controsorveglianza e dell'Investigazione Tecnica.


Saranno trattati i temi delle intercettazioni ambientali e telefoniche, intercettazioni cellulari, sistemi di difesa audio, telefonia criptata, sistemi jammer, sorveglianza e controsorveglianza elettronica ed informatica.


Gran parte del corso sarà dedicata alla fase pratica, dove ad ogni allievo verra' data l'opportunita' di poter installare una microspia audio in oggetti, in prese elettriche, in autovetture e procedera' all'installazione di sistemi GPS e microspie gsm all'interno ed all'esterno di autoveicoli.

Continua a leggere su Spiare.com


>>Continua a leggere "CORSO PRATICO IN TECNOLOGIE INVESTIGATIVE E BONIFICHE ELETTRONICHE"

2076 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Bin Laden: vivo, detenuto, in ghiaccio: impazzano le teorie

Scritto da Flash News 100spiare • Martedì, 9 agosto 2011 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

L'esperto: chi crede al complotto si sbaglia, ma non è matto

Non ci è voluto molto perché l'America reagisse a un evento storico con una delle più tipiche invenzioni d'oltreoceano, la teoria del complotto, in base alla quale le cose in realtà sono andate ben diversamente da come dice il governo. L'uccisione di Osama bin Laden non ha fatto eccezione e già ventiquattr'ore dopo il raid di Abbottabad il web, complice la mancanza di fotografie del cadavere, abbondava di "conspiracy theories".


Accelerate da Twitter e Facebook, le teorie sono molte. Alcune
provenienti dal Medio Oriente, dove da decenni la sfiducia
nell'Occidente partorisce interpretazioni curiose: una iraniana, esposta
dal deputato Javad Jahangirzadeh, secondo il quale bin Laden è stato
ucciso perché non parlasse dei segreti della Cia di cui era depositario.
O quella pachistana secondo la quale, ha detto una fonte ex militare a
un giornale locale, scovare Osama in Pakistan e accusare il governo di
complicità è un'ottima scusa per un'invasione americana dal vicino
Afghanistan. Oppure quella per cui l'egiziano Ayman al-Zawahiri, numero
due di di al Qaida, avrebbe venduto il leader agli americani per
prendere il controllo del gruppo terrorista (teoria questa rilanciata
dal giornale saudita al Watan).


>>Continua a leggere "Bin Laden: vivo, detenuto, in ghiaccio: impazzano le teorie"

2228 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Gb, agente segreto trovato morto: aveva abiti da donna e interessi sadomaso

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 17 gennaio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Controspionaggio

Gareth Williams, l’agente dell’MI6 trovato morto nel proprio appartamento ad agosto, chiuso in una borsa rinvenuta nella vasca da bagno, aveva visitato alcuni siti internet dedicati alle pratiche sadomaso e aveva un guardaroba pieno di abiti da donna nuovi, all’apparenza mai indossati, del valore di 15.000 sterline.E’ quanto hanno rivelato gli inquirenti che stanno indagando sulla sua morte, in seguito ad un’analisi del traffico web dei suoi cellulari. La polizia sta inoltre cercando di contattare una coppia che si era recata a casa della spia.”La morte di Gareth rimane sospetta, non sono ancora state trovate spiegazioni e le indagini sulle circostanze della morte continuano”, ha dichiarato l’ispettore capo Jack Sebire.


Secondo alcune fonti, gli inquirenti ora sarebbero convinti che qualcuno ha aiutato Williams, 30 anni, a entrare nella borsa. In seguito ad alcune testimonianze, la polizia ha diffuso l’identikit di una coppia che si sarebbe recata nell’appartamento un mese prima della morte della spia. I due avevano detto ad un testimone di aver ricevuto le chiavi di casa da un certo ‘Pier Paulo’.

Rilevatori di microspie


>>Continua a leggere "Gb, agente segreto trovato morto: aveva abiti da donna e interessi sadomaso"

3706 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!