RUSSIA: MORTA ELIZAVETA MUKASEI, LEGGENDARIA SPIA DELLA GUERRA FREDDA

Scritto da Spiare.com • Martedì, 22 settembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

E' morta all'eta' di 97 anni Elizaveta Mukasei, agente segreto sovietico che insieme al marito Mikail formo' un duo diventato leggendario nella storia dello spionaggio.

La coppia fu protagonista di molte missioni sotto copertura all'estero, dagli anni Quaranta sotto Stalin fino alla fine dei Settanta, con i nomi in codice di ''Zephyr'' e ''Elza'' e le loro operazioni sono ancora tenute segrete dal KGB, che si e' sempre rifiutato di fornire tutti i particolari.

La morte di Elisaveta, deceduta a Mosca, e' stata annunciata direttamente dallo SVR, attuale servizio di intelligence russo, in un comunicato. Il marito era morto nell'agosto del 2008 all'eta' di 101 anni.

Nata nel 1912 nella citta' russa di Ufa in una famiglia povera, la Mukasei ha passato quasi tutta la vita lavorando come ''nelegal'', un termine che i sovietici usavano per le spie infiltrate nei paesi occidentali ai tempi della Guerra Fredda. Fra il 1939 e il 1943, cioe' compresi gli anni in cui Unione Sovietica e Stati Uniti erano alleati nella Seconda Guerra Mondiale, si trovava a Los Angeles.


>>Continua a leggere "RUSSIA: MORTA ELIZAVETA MUKASEI, LEGGENDARIA SPIA DELLA GUERRA FREDDA "

2767 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

II Guerra mondiale, carte spionaggio Urss contro Polonia

Scritto da Spiare.com • Martedì, 1 settembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

Polpetta avvelenata del controspionaggio russo contro la Polonia, in coincidenza con l'intervento del premier Vladimir Putin al 70/o anniversario dell'inizio della seconda guerra mondiale, commemorato vicino a Danzica.

Un alto ufficiale dei servizi segreti all'estero (Svr) ha reso pubblici per la prima volta numerosi documenti d'archivio desecretati sulla politica estera di Varsavia negli anni Trenta, dai quali emergerebbe che la Polonia aveva sottovalutato la minaccia nazista.

Secondo tali documenti, ha spiegato in una conferenza stampa a Mosca il generale Lev Sotskov che li ha raccolti in un volume di 400 pagine - "I segreti della politica polacca. 1935-1945" -, i dirigenti polacchi dell'epoca, dopo aver firmato un patto di non aggressione con la Germania nel 1934, fecero invece il possibile per isolare l'Urss.

Anzi, a suo avviso tentarono anche di attizzare rivolte tra i nazionalisti, in particolare in Caucaso e in Ucraina, per dissolvere l'Unione Sovietica. Dichiarazioni che hanno suscitato una vivace reazione dei giornalisti polacchi presenti, alcuni dei quali hanno messo in dubbio anche l'autenticità dei documenti.


>>Continua a leggere "II Guerra mondiale, carte spionaggio Urss contro Polonia"

4567 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Gibilterra, era italiano il signore delle spie

Scritto da Spiare.com • Martedì, 1 settembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

Fece vedere i sorci verdi agli inglesi, coordinando i sabotaggi delle navi britanniche alla fonda nella baia di Gibilterra messi a segno dagli incursori della Decima Mas. Fece bruciare d'invidia gli 007 tedeschi, che cercarono - senza successo - d'ingraziarselo e carpirgli i suoi segreti. Ma soprattutto fu un gentiluomo, e riuscì persino a conquistarsi il rispetto degli agenti segreti britannici.

Questa é la storia di Giulio Pistono, "signore delle spie" dislocate in Andalusia durante la Seconda Guerra mondiale. Sono gli Archivi Nazionali britannici a restituire, dopo tanti anni, le avventure dell'agente italiano di stanza ad Algeciras, il porto spagnolo che sta dinnanzi alla rocca di Gibilterra, avamposto britannico nel Mediterraneo d'importanza strategica.


>>Continua a leggere "Gibilterra, era italiano il signore delle spie"

2637 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Thriller sulle cantanti «spie»

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 28 agosto 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

Basta accennare «Maramao perché sei morto»? o «Tuli Tuli, Tuli-pan», che viene subito evocata un'epoca.

Sono i biglietti da visita dell'Italia di regime dal 1935 al '45 con quelle tre sorelline intonate che venivano dall'Olanda, ebree da parte di madre: erano Sandra, Giuditta, Ketty Leschan; Trio Vocale sorelle Lescano, la garanzia della tragica superficialità d'epoca, del delirio futurista (oggi infatti le reincarnano tre drag queen, Le sorelle Marinetti) quando si cantava «Ma le gambe» e «Il pinguino innamorato».

Ed ecco «Le ragazze dello swing», nuova fiction di Maurizio Zaccaro sul set in autunno: accanto alle canzonette ci sarà la storia segreta di queste tre ragazze adorate dal pubblico, tollerate dal regime, infine per le leggi razziali castigate, anche se un documento ora scoperto in una casa d'aste proverebbe che il duce, ammiratore, abbia concesso loro la cittadinanza italiana d'accordo col re.

Nel 1943, con l'accusa di spionaggio, le sorelle vennero arrestate e condotte a Genova, nel carcere Marassi dove, per la loro conoscenza del tedesco, furono costrette a fare da interpreti negli interrogatori ai partigiani. Furono avvistate in una pensioncina a Saint Vincent fino al '44, poi, finita la guerra, la più giovane delle sorelle, Ketty lasciò il trio.


>>Continua a leggere "Thriller sulle cantanti «spie»"

2664 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Creato in Spagna il mantello dell'invisibilità

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 31 luglio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

Un’equipe di scienziati dell’Universitat Autònoma de Barcelona (UAB) ha annunciato di aver creato un dispositivo capace di rendere invisibili gli oggetti.

L’apparecchio, al momento un affascinante modello teorico, si chiama "Dc Metamaterial" e, secondo gli esperti, sarà in grado di azzerare l'interno del campo magnetico senza alterare quello esterno.

La ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Applied Physics Letters, è stata coordinata dal professor Àlvar Sánchez.

“Si potrebbe costruire un ‘dc metamaterial' fatto di un lattice di sottili strati superconduttori ad alta temperatura di attuale tecnologia - ha spiegato uno degli esperti coinvolti nello studio - per ammantare un oggetto dai campi magnetici statici. A livello teorico il nostro lavoro fornisce tutti i dati necessari per la realizzazione di uno di questi apparecchi e rappresenta un ulteriore passo avanti verso l'invisibilità".


>>Continua a leggere "Creato in Spagna il mantello dell'invisibilità"

3117 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Vaticano, tutte le spie del Kgb

Scritto da Spiare.com • Giovedì, 30 luglio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

Preti, monsignori, guardie svizzere tra gli agenti infiltrati intorno al Papa durante la guerra fredda: la ricostruzione di un ex ufficiale dell'intelligence Usa.

Un monsignore 007 al fianco di Agostino Casaroli, un traduttore infiltrato nella redazione dell’Osservatore Romano, un prete cecoslovacco sedotto da un’avvenente fanciulla reclutata dal Kgb, l’attentato a Wojtyla suggerito dalle alte sfere del Pcus e una miriade di altri aneddoti che raccontano la guerra segreta dell’Unione Sovietica contro il Vaticano: di questo parla Spies in the Vatican, 296 pagine di cronache top secret pubblicate da «Pegasus» e confezionate da John Koehner, ex ufficiale dell’intelligence dell’esercito americano che negli anni Ottanta fu consigliere del presidente Reagan.


>>Continua a leggere "Vaticano, tutte le spie del Kgb"

3504 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Ernest Hemingway spia del Kgb

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 10 luglio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

Ernest Hemingway fu spia per conto dei sovietici nel corso degli anni Quaranta.

A rivelarlo è oggi il quotidiano londinese Guardian in un articolo in cui si cita un libro appena uscito negli Stati Uniti.

Il volume è pubblicato dalla Yale University Press, si intitola Spies: The Rise and Fall of the KGB in America, è stato scritto da due storici, John Earl Haynes e Harvey Klehr, insieme a Alexander Vassiliev, esperto di origine russa che ha avuto potuto accedere ai documenti riservati custoditi a Mosca negli archivi dei servizi segreti relativi al periodo staliniano.

Secondo gli autori del saggio, il Nobel per la letteratura nel 1954 venne reclutato dagli agenti del Kgb nel 1941 alla vigilia di un viaggio in Cina dopo che aveva in più occasioni espresso «desiderio e volontà di aiutare l’Urss», gli venne dato il nome in codice “Argo” e continuò a mantenere contatti con Mosca per l’intero decennio senza percepire alcun compenso, incontrandosi con emissari dei servizi staliniani durante soggiorni a Londra e a Cuba.


>>Continua a leggere "Ernest Hemingway spia del Kgb"

2629 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

E' morto M.Butterfly, la spia cinese che beffò la Francia

Scritto da Spiare.com • Domenica, 5 luglio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

È morto a Parigi a 70 anni di età Shi Pei Pu, cantante d’opera e spia cinese, la cui storia ispirò il film di David Cronenberg M.Butterfly e l’opera andata in scena sui palcoscenici di Broadway.

Originario dello Shandong, Shi insegnava il mandarino ai diplomatici stranieri quando nel 1964 incontrò Bernard Boursicot, dell’ambasciata francese di Pechino e gli fece credere di essere una donna. iniziando una relazione con lui e annunciandogli ben presto di attendere un figlio. 

Ma poco dopo Boursicot lasciò la Cina dove rientrò alla fine degli anni Sessanta, in piena Rivoluzione culturale.

Quando gli agenti cinesi scoprirono la relazione tra il dipendente della legazione francese e l’artista, Boursicot iniziò a passare documenti all’amico.


>>Continua a leggere "E' morto M.Butterfly, la spia cinese che beffò la Francia"

5661 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Laureato in spionaggio

Scritto da Spiare.com • Lunedì, 22 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Storia dello Spionaggio

Gli americani sembrano aver portato alla esasperazione la cultura british dello spionaggio. Durante l’era Bush ne erano talmente ossessionati da aver creato un’agenzia che doveva gestire le oltre dieci organizzazioni che ufficialmente si occupano di intelligence (poi ci sono quelle che lo fanno ma non lo dicono).

Anche l’amministrazione Oabama ha il problema dello spionaggio. Questione non indifferente per un paese che vuole mettere il naso dappertutto e che oggi si ritrova su due teatri di guerra con i suoi soldati e che deve confrontare la minaccia di Al Qaeda in tutto il mondo.

Così, qualche giorno fa dalla Casa Bianca (nella foto Obama insieme al capo della Cia Leon Panetta), è partita la proposta di crerare all’interno di alcune università dei corsi per spie, con regolari e generose borse di studio, per «venire incontro ai bisogni della comunità dell’intelligence».


>>Continua a leggere "Laureato in spionaggio"

4875 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!