Aziende Usa sviluppano software per censura web

Scritto da Flash News 100spiare • Giovedì, 18 agosto 2011 • Categoria: Controllo computer, Tecnologie Investigative


Forniscono i filtri per controllare internet nelle dittature

La censura su internet e' una delle armi più incisive a cui i regimi dittatoriali mediorientali ricorrono nel tentativo di reprimere il dissenso e uno dei motivi di vergogna degli Stati Uniti.

Da un lato, il governo americano si dichiara favorevole all'estensione dei diritti democratici nel globo; ma dall'altro, le aziende americane forniscono gran parte della tecnologia che i regimi dittatoriali mediorientali utilizzano per controllare i cittadini e schiacciare sul nascere ogni focolaio di protesta.

Come riferito al Wall Street Journal da fonti interne, McAfee, azienda
di sicurezza informatica che il mese scorso e' stata acquistata da
Intel, ha prodotto il programma che filtra i contenuti dei servizi
internet
in Bahrain, Arabia Saudita e Kuwait. Mentre la californiana
Blue Coat Systems ha venduto sistemi hardware e altra tecnologia, che
sono stati utilizzati insieme ai filtri McAfee per bloccare l'accesso a
siti web in Bahrain, Emirati Arabi e Qatar. Il Bahrein dovrebbe
abbandonare McAfee e passare alle soluzioni tecnologiche di Palo Alto
Networks, azienda che offre maggiori opzioni di blocco e rende molto più
difficoltoso eludere la censura.




I filtri per il web, creati nei primi anni '90, sono oggi utilizzati anche in Egitto, Siria, Tunisia e altre zone del Medio Oriente, dove molti blogger sono stati presi di mira dalla censura nel tentativo, da parte dei governi, di reprimere la libertà d'espressione sulla rete.





Il ruolo svolto dalle compagnie occidentali nel sviluppare metodi per censurare i contenuti online e'un tema caldo: "La censura non dovrebbe essere tollerata da nessuna azienda, a qualsiasi latitudine", ha detto il segretario di Stato americano Hillary Clinton alcuni mesi fa, "le compagnie americane dovrebbero assumere una posizione di principio". Recentemente, il Dipartimento di Stato e' stato costretto
a spendere oltre 20 milioni di dollari per sviluppare software che aiutassero i popoli mediorientali ad aggirare il muro della censura sul web, innalzato grazie a tecnologie americane.




2748 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.