Videosorveglianza: un pò di...storia

Scritto da Spiare.com • Venerdì, 18 giugno 2010 • Categoria: Video Sorveglianza


I sistemi di videosorveglianza trovarono nell’ambiente bancario una delle prime applicazioni in ambito civile e la loro affermazione in Italia negli anni ’70 fu incentivata da esigenze di protezione antirapina. La rivoluzione tecnologica di fine anni ’80 fece intravedere ad un’utenza più vasta le potenzialità degli impianti TVCC, mentre le nuove situazioni sociali e lo sviluppo economico del paese degli anni ’90 crearono una maggiore esigenza di sicurezza affrontata sempre più spesso con l’uso di telecamere, monitor e videoregistratori. L’ambito applicativo di queste soluzioni si ampliò progressivamente, arrivando a lambire aree di operatività sempre più vaste (dalla protezione delle aree urbane a quelle dei siti ad alto rischio) e coinvolgendo professionalità diverse. L’avvento delle tecnologie digitali, la disponibilità di sofisticati sistemi di ripresa e gli innovativi sistemi di gestione interattivi generarono poi la seconda grande rivoluzione nelle soluzioni di videosorveglianza e permisero di definire nuovi livelli prestazionali e qualitativi degli impianti TVCC.


-
Continua a leggere su Servizi Segreti

Recupero sms cancellati

-

2628 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

1 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. L'unico problema oggi, nell'era del digitale, è che tutti i sistemi di videosorveglianza non son compatibili fra loro. Forse nel futuro non cosi lontano...

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.